Il 2 Marzo sciopero dei dipedenti delle BCC delle Marche

Il 2 Marzo sciopero dei dipedenti delle BCC delle Marche

FANO – “I dipendenti delle Bcc marchigiane scioperano contro l’inaccettabile decisione di recesso unilaterale dal Contratto integrativo, operata dalla Federazione Marchigiana delle Banche di Credito Cooperativo. Disapplicazione che sarà resa operativa dal prossimo 1° aprile.
Nella regione Marche il Credito Cooperativo si compone di 19 banche aderenti alla Federazione Marchigiana con 207 filiali di cui 191 nelle Marche, 10 in Romagna e 6 in Abruzzo. Con oltre 52.000 soci e circa 1.500 dipendenti, il Credito Cooperativo marchigiano è presente in 229 comuni sui 239 esistenti, con una presenza pari al 96%.
I dipendenti delle Banche di Credito Cooperativo marchigiane sciopereranno il prossimo 2 marzo e si ritroveranno in presidio presso la sede della BCC di Fano (PU) in Piazza XX Settembre, per difendere il proprio ruolo e la propria dignità di collaboratori, spesso Soci della propria Bcc, per riottenere i contratti di lavoro, per continuare ad essere protagonisti attivi nel sostegno all’economia locale.
Una decisione che vede contestualmente coinvolte anche altre 13 Federazioni regionali delle Bcc presenti sul territorio nazionale. Da qui la decisione di indire uno sciopero nazionale con iniziative articolate sui vari territori.
Oltre alla disdetta dei Contratti Integrativi regionali, Federcasse, l’associazione datoriale che rappresenta tutte le 380 Banche di Credito Cooperativo d’Italia, ha anche comunicato che, a suo insindacabile giudizio, provvederà a disdettare e disapplicare anche il Contratto Nazionale.
Decisioni gravissime, sostengono i sindacati di categoria che, oltre a riportare indietro le lancette dell’orologio ad un epoca ormai tramontata, da un lato offendono la dignità dei lavoratori, mentre dall’altro, con il loro carattere dell’unilateralità, espongono le singole Bcc al rischio di vedersi letteralmente sommergere da innumerevoli vertenze di lavoro.

Ancona, 25 febbraio 2015

Condividi:

Rispondi