I “Cantòn” sono 4, ma la gastronomia è a 5 stelle

I “Cantòn” sono 4, ma la gastronomia è a 5 stelle

FANO – Si chiamano “I 4 Cantòn”, ma i menù che si potranno degustare giovedì 3 e venerdì 4 agosto saranno a 5 stelle. Sarà proprio la gastronomia uno dei punti forza dell’edizione 2017 della manifestazione più fanese della città. Food Truck, piatti della tradizione, gastronomia marinara, pietanze medievali e classici della tradizione culinaria italiana, accompagneranno i visitatori nelle 2 serate di festa.
Grazie ai ricchi menù realizzati ad hoc dai cuochi cantonieri, anche i gusti più difficili verranno soddisfatti. A partire da “El Cantòn del Mar”, a cura del Caicco dove sarà possibile cenare con i piatti della gastronomia marinara fanese come l’imperdibile polenta con le vongole, la calamarata con ragù di brodetto, la classica “rustita” cucinata dai pescatori e un’ottima frittura alla marinara cotta solo con la farina.
Non siete in vena di una cena a base di pesce? Non c’è problema c’è anche la cucina della tradizione nel “Cantòn di Magh e di Maghet” a cura dei professionisti dell’Osteria della Peppa. Gli chef proporranno infatti tagliatelle fatte a mano “sai Maghèt”, Cersc’Tajat di farina di polenta con fagioli, Gnocchi al ragù, Fagioli, salsiccia e cotiche, trippa, Piadina fatta a mano con i salumi e formaggi locali. Il menù verrà accompagnato con la birra artigianale “Peppa” con acqua di Monte Nerone e con il vino “El Rosc” realizzato dall’azienda agricola Lucarelli.
Perché non fare poi un tuffo nel passato e cenare nella festosa e allegra atmosfera del “Cantòn di an ’50”, che proporrà un panino gourmet farcito con vitello tonnato, un panino gourmet con pollo alla cacciatora, una pappa al pomodoro con sugo di poveracce e cozze, una giardiniera rivisitata e un maccheroncino al fumè a cura del Ristorante Andreina e dello chef Marco Bistarelli. Ad ampliare la scelta ci penserà anche il Tiravino che proporrà un crostino di uovo morbido con salsa all’aceto, caviale di aringa e capperi fritti, al quale verrà abbinato il cocktail “Message in the Bottle”. La parte “drink” verrà invece curata da Offucina che proporrà una selezione di cocktail anni ‘50 e dalla Tenuta Santi Giacomo e Filippo con una scelta di vini marchigiani.
Se fare un tutto negli anni ‘50 non non è abbastanza e volete spingervi ancor più indietro nel tempo, allora “El Cantòn del Medioevo” fa al caso vostro. I menù realizzati a cura della Proloco Trecolli di Mondolfo e della Pandolfaccia vi faranno assaporare originali pietanze di tempi passati. In questo cantone si potranno assaggiare le Tagliatelle del Viandante (fagioli e salsiccia), gli strozzapreti alle verdure de lo contadino, l’Oca alla Malatesta, la Grigliata de lo Cortigiano, la Crescia de lo duca che si potrà farcire con salsiccia, prosciutto, erba e formaggio. Le patate de lo borgo, la conditella della servitù e i dolci de lo banchetto. Il menù medioevale verrà accompagnato con una serie di bevande dell’epoca tra cui l’idromele, l’ippocrasso, la Birra del Montefeltro e il vino de lo commensale.

Condividi:

Rispondi