I batteri nei fossi scolmatori, il parere dell’esperto – VIDEO

I batteri nei fossi scolmatori, il parere dell’esperto – VIDEO

FANO – Si chiamano Escherichia Coli e sono dei batteri non nocivi in quantità ridotte che servono ad indicare la presenza di acque di fogna o di scarico zootecnico.

Ultimamente turisti e cittadini sono preoccupati per i divieti temporanei di balneazione nelle vicinanze dei fossi scolmatori. Per questo motivo abbiamo chiesto informazioni sulla pericolosità di questi microrganismi al professor Corrado Piccinetti esperto biologo, nonché responsabile del Laboratorio fanese di Biologia Marina e di Pesca.

 

Condividi:
  1. Giorgio Tallevi 17 luglio 2014, 9:20

    Il Dott. Piccinetti di Biologia Marina di Fano fa chiarezza sul batterio “Escherichia Coli, INNOCUO. Il Comune di Fano però dovrebbe valutare il fatto che nel Torrente Arzilla, da oltre Fenile, scende da più di 3 anni acqua infangata continuamente anche in giorni normali, lontani da piogge od acquazzoni. Non so se ARPAM su richiesta del Comune di Fano potrebbe fare una indagine significativa: nello stesso giorno prelievi di campioni di acqua del torrente Arzilla in molti punti critici, vicino a case, in prossimità dei vari quartieri lungo il torrente e soprattutto in campagna vicino alle Aziende agricole o capannoni zootecnici, tenendo conto che Santa Maria dell’Arzilla il Comune di Fano finisce ma il Torrente Arzilla prosegue verso il Comune di Pesaro e altri Comuni. Ma si avrà il coraggio di affrontare questo problema? Tutti gli altri discorsi (EVITANDO QUESTO) sono FRITTURA MISTA da ritirare fuori ogni estate utili per chiacchierare un pò e certo danneggiare chi lavora nel turismo.

    Rispondi
  2. Scusate, ma vi sembra normale che un biologo affermi che si possa far bere tranquillamente a un bambino un sorso d’acqua alla “cacca”? Mi spiace per i bagnini che vedono compromessa la stagione estiva, ma non sarebbe il caso che il Comune di Fano cominciasse a pensare seriamente ad un sistema di depurazione efficace invece di ricorrere a soluzioni dell’ultimo minuto poco efficaci per tutti?

    Rispondi

Rispondi