Grande successo per l’incontro con Anita Garibaldi Hibbert, pronipote dell’eroe

Grande successo per l’incontro con Anita Garibaldi  Hibbert, pronipote dell’eroe

FANO – Grande successo sia di critica che di pubblico, per la partecipazione della pronipote dell’eroe Anita Garibaldi Hibbert al convegno tenutosi a Fano Sabato 13 Dicembre, presso la sala Verdi del teatro della Fortuna. I Garibaldi sono stati al centro dell’attenzione per la iniziativa promossa dall’ associazione culturale” MEMORIA” di Mombaroccio, presieduta da Patrizio Vincenzi il quale ha moderato gli interventi dopo il saluto caloroso da parte dell’amm. comunale di Fano a cura dell’ Assessore alla cultura Stefano Marchegiani .Prestigioso l’intervento del rappresentante delle guardie d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon, il Bolognese Dionigi Ruggeri che ha illustrato le finalità delle guardie nobili, e ha presentato in anteprima il compendio delle tavole del famoso disegnatore Achille Beltrame sulla prima guerra mondiale. Successivamente è intervenuto l’autore del libro “I Garibaldi nelle marche” il quale ha fatto un escursus a Fano prima di Garibaldi e successivamente della legione Garibaldina nel Dicembre del 1848 in via Posterna attuale via Garibaldi. Successivamente Pietro Pistelli a sottolineato come la municipalità di Fano sia stata più magnanima della città di Pesaro che non li ha accolti pur pagandone il soldo. Le conclusioni molto attese dal pubblico presente sono state tracciate da Anita Garibaldi Hibbert la quale si è soffermata sui fratelli di suo padre Ezio, ( Bruno e Costante) i quali guidati dal fratello maggiore Peppino, allo scoppio della prima guerra mondiale (1914-1915) muiono sul fronte francese delle Argonne come volontari. Anche il padre di Anita “Ezio” fu ferito al “Col di Lana” alla gola che lo segnò per tutta la vita. Nella mattinata Anita Garibaldi aveva incontrato su espresso desiderio della Professoressa Elisa Buoncompagni e degli studenti della scuola F.Barocci di Mombaroccio, i quali hanno appreso la lezione di storia tramandata dai protagonisti facendone tesoro per la vita.

foto x articolo

Condividi:

Rispondi