Gostoli (PD): “L’opposizione si preoccupa di sciocchezze, noi delle questioni più importanti”

Gostoli (PD): “L’opposizione si preoccupa di sciocchezze, noi delle questioni più importanti”

FANO – “A Fano un centrodestra diviso che naviga a vista, si preoccupa delle sciocchezze piuttosto di pensare al bene della città. Una buona minoranza dovrebbe comunque sentirsi responsabile del governo della città e invece le parole di Santorelli sono la dimostrazione di una opposizione senza argomenti”. È questa la dichiarazione di Giovanni Gostoli, segretario provinciale Pd, alle accuse di Santorelli e Garbatini.

“Qui a Fano mi è stato insegnato a vivere la politica sul territorio che giro quotidianamente” – prosegue il segretario democrat – “Talvolta capita di incontrare i consiglieri comunali nella sala del gruppo consigliare del Pd, per collaborare con l’attività del gruppo, fare il punto sulla situazione politica e sulle questioni più importanti per la città”.

“Sono segretario provinciale del Pd, non di Pesaro, e con un legame da sempre molto forte con Fano”, precisa Gostoli che aggiunge “È la città dove mi sono iscritto per la prima volta al partito, un punto di riferimento per un ragazzo come me cresciuto nella vallata del Metauro. Sono orgoglioso che siamo tornati alla guida di Fano e pertanto sono a disposizione per dare una mano”.

Infine, conclude Gostoli: “Il Pd è impegnato a fare uscire Fano dall’isolamento nel quale era sprofondata negli anni di governo della destra, altrochè “oscurantismo”. Oggi la città è finalmente protagonista nel territorio provinciale e anche del governo delle Marche. Parlano i fatti: dragaggio del porto, bonifica amianto nelle scuole e scogliere. Sono solo alcuni dei progetti che adesso è possibile realizzare grazie al buon governo di centro sinistra e di amministratori capaci di fare squadra”

Nella fotografia: A sinistra il segretario provinciale Giovanni Gostoli a Fano che beve una “Moretta fanese” insieme all’europarlamentare Simona Bonafè, Renato Claudio Minardi e Luca Ceriscioli.

Condividi:

Rispondi