Fusione Pesaro-Mombaroccio, CISL: “Coinvolgere le popolazioni interessate”

Fusione Pesaro-Mombaroccio, CISL: “Coinvolgere le popolazioni interessate”

PESARO – “Il dibattito suscitato in questi giorni dal progetto di fusione del  comune  di Mombaroccio con Pesaro, solleva in realtà un problema molto più complesso, ampio  e delicato.

Infatti  si tratta non solo  di capire  quali vantaggi porterà agli abitanti del comune più piccolo ma di ragionare sull’assetto istituzionale e sociale  ci sarà nel territorio della nostra provincia con comuni che hanno  una media  di abitanti molto bassa.

Considerata  la dimensione abitativa dei nostri  comuni, il taglio dei trasferimenti agli enti locali,  la consolidata gestione associata dei servizi sociali tramite gli ATS (sicuramente in futuro avranno un ruolo sempre più incisivo  considerato anche i compiti affidati  loro dalla legge regionale n 32 ),  la possibilità di sbloccare il vincolo del patto di stabilità finalizzando tali risorse allo sviluppo del territorio,  è assolutamente necessario intraprendere nel nostro territorio con gli EE LL un confronto costruttivo e responsabile sulle modalità  e sui criteri dei processi di fusione tra i comuni.

E’ evidente che occorre  valutare e rispettare la omogeneità territoriale, le caratteristiche orografiche e le peculiarità sociali ed economiche.

In questa  decisiva rivisitazione dell’assetto locale dei nostri comuni la Cisl chiede che  il processo avvenga tramite la partecipazione e il coinvolgimento  delle popolazioni interessate, e delle realtà associative del territorio al fine di evitare sterili ed inutili battaglie campanilistiche che non giovano allo sviluppo  delle comunità ma creano inutili faziosità e frapposizioni non utili ai percorsi di fusione, peraltro a nostro giudizio non più rinviabili.

Altresì non vorremo trovarci di fronte a parziali processi di fusione come quello di Pesaro con Mombaroccio ( gli altri comuni dell’Unione?)  come quello che sta accadendo con alcuni comuni che costituiscono l’unione della val Metauro ( quattro comuni lavorano per la fusione e gli altri comuni  che strada scelgono?  quella dell’isolamento  o magari pensano a fusioni non corrispondenti alle peculiarità sociali e culturali economiche del territorio)  Anche l’Unione Roveresca ( 5464 abitanti quattro comuni; san Giorgio, Piagge, Orciano, Barchi,) che ha avviato intelligentemente avviata  e  a nostro parere compiutamente realizzata,  potrebbe diventare il perno di una fusione che coinvolgerebbe anche comuni limitrofi e territorialmente contigui.

Nella Val Metauro  e val Cesano sarà  interessante capire quale ruolo vogliono giocare i comuni dì Fano (60.000 abitanti)  Mondolfo( 14465 abitanti ) Fossombrone (9674 abitanti) e Pergola:  avvieranno percorsi di fusioni tesi finallizzati alla creazione di  comuni significativamente abitati e olograficamente omogenei?

Anche i comuni della alta val Metauro e del  Montefeltro non si possono sottrarre a questa dinamica se vogliono avere le risorse per rafforzare i servizi  e per uscire dall’isolamento infrastrutturale e di servizi nei quali si trovano.

Il nuovo assetto degli enti locali ( Comuni)  dovrà  affrontare  apertamente e responsabilmente la delicata questione della gestione del personale  che riveste un ruolo fondamentale nel processo riorganizzativo

Questi processi cosi delicati ed impegnativi sia per la comunità civile e sociale che per le ricadute sugli assetti organizzativi del personale necessitano di  un ampio coinvolgimento  e responsabilizzazione dei soggetti interessati al fine di evitare soluzioni non adeguate al contesto organizzativo del personale e alle esigenze della popolazione

La Cisl di Pesaro Fano Urbino vuole da subito confrontarsi con gli amministratori e le comunità locali su questi processi perché li riteniamo una reale  possibilità di sviluppo economico sociale e civile”.

 

CISL PESARO FANO URBINO

 

Popolazione Provincia Pesaro – Urbino 2015 Dati Istat

Comuni sotto 3000 abitanti : 39 comuni

Frontino 295

Isola del Piano 595

Borgo Pace 623

Pietrarubbia 673

Monte Cerignone 683

Peglio 692

Belforte all’Isauro 765

Tavoleto 864

Fratte Rosa 977

Barchi 979

Piagge 1035

Serra Sant’Abbondio 1049

Mercatino Conca 1089

Montecopiolo 1122

Monte Grimano Terme 1134

Frontone 1313

San Giorgio di Pesaro 1400

Mercatello sul Metauro 1401

Sassofeltrio 1425

Lunano 1529

Sant’Ippolito 1596

Auditore 1604

Carpegna 1682

Monteciccardo 1724

Apecchio 1929

Macerata Feltria 2030

Orciano di Pesaro 2050

Piobbico 2070

Mombaroccio 2143

Piandimeleto 2155

Cantiano 2269

Serrungarina 2629

Montefelcino 2696

Montecalvo in Foglia 2727

Monte Porzio 2835

Petriano 2841

Montemaggiore al Metauro 2907

Comuni tra 3001 e 5000 abitanti: 7 comuni

San Lorenzo in Campo 3431

Sassocorvaro 3487

Mondavio 3859

Sant’Angelo in Vado 4155

Acqualagna 4473

San Costanzo 4856

Gradara 4862

Comuni tra 5001 e 10.000 abitanti: 10 comuni

Gabicce Mare 5811

Pergola 6396

Montelabbate 6848

Saltara 6932

Urbania 7082

Cartoceto 7993

Tavullia 8033

Fermignano 8680

Cagli 8785

Fossombrone 9674

Comuni sopra i 10001 abitanti: 5 comuni

Mondolfo 14465

Vallefoglia 15029

Urbino 15176

Fano 61192

Pesaro 94604

Condividi:

Rispondi