Fumi Profilglass, il Comune accompagnerà l’ARPAM in una visita ispettiva

Fumi Profilglass, il Comune accompagnerà l’ARPAM in una visita ispettiva

FANO – Ieri sera, mercoledì 14 ottobre, in sede di Consiglio comunale il Sindaco Massimo Seri ha aggiornato i consiglieri rispetto agli sviluppi del percorso di controllo e verifica di cui il Comune di Fano, insieme alla Regione Marche, si è fatto promotore in riferimento all’incendio accaduto in data 27 settembre 2015 presso il lotto n.47 della Ditta Profilglass.
È stata presentata una dettagliata relazione dell’accaduto, con l’indicazione delle misure adottate dal gestore al fine di mitigare e ridurre gli impatti sull’ambiente. In questo contesto è stato confermato che al momento dell’incendio nel fabbricato non vi erano in atto lavorazioni né era presente il personale dell’azienda. Poiché gli impianti erano fermi non sono stati interessati dall’evento né l’impianto di aspirazione delle polveri asservito alla macchina cernitrice, né l’impianto di abbattimento costituito da un filtro a maniche di tessuto, che peraltro è posizionato all’esterno dell’edificio.
Relativamente alla richiesta di presentare un piano di monitoraggio riportante le misure successive per il ripristino del lotto, si è fatto presente che non è stato finora possibile effettuare nello stabilimento interessato interventi diversi da quelli condotti direttamente dal Comando dei Vigili del Fuoco poiché in attesa di determinazioni da parte della compagnia assicuratrice. Tuttavia i materiali di risulta sono stati collocati in appositi cassoni, all’interno di una struttura coperta e a loro volta coperti con teli.
Peraltro in riferimento alla richiesta di individuare eventuali azioni successive da porre in essere per prevenire il ripetersi dell’evento si è evidenziato che fintanto che non sarà chiara la causa dell’incendio non sarà possibile porre in atto alcuna azione di prevenzione specifica.
Con riferimento alla richiesta di eseguire delle analisi alle acque presso il pozzetto di raccolta del lotto n.47., si è fatto presente che personale di laboratorio autorizzato ha provveduto ad effettuare il campionamento delle acque di scarico presenti nel pozzetto di uscita al lotto (corrispondente con la raccolta delle acque del piazzale dello stesso lotto). Non si evidenziano, per i parametri analizzati e caratteristici di tale scarico, né valori prossimi ai relativi limiti di legge, né inquinanti in concentrazioni meritevoli di attenzione.
A fronte di quanto accaduto nonché della volontà di tutelare l’ambiente e la salute pubblica, il Comune di Fano – congiuntamente con la Regione Marche – nei prossimi giorni accompagnerà l’ARPAM in una visita ispettiva – appositamente richiesta – che sarà rivolta all’intero impianto industriale. Gli esiti di tale ispezione saranno oggetto di un’ulteriore comunicazione al Consiglio comunale, nell’ottica della piena trasparenza e del massimo rigore nel controllo e nella verifica dello stato dell’ambiente, nel rispetto delle norme di legge.

La Giunta Comunale

Condividi:

Rispondi