Fiumi provinciali, se ne parla in un convegno organizzato da La Lupus in Fabula

Fiumi provinciali, se ne parla in un convegno organizzato da La Lupus in Fabula

PESARO – Si parlerà di messa in sicurezza dei fiumi provinciali, ma anche di corretta gestione del territorio nel convegno organizzato dall’associazione La Lupus in Fabula in collaborazione con Argonauta Fano, WWF, Legambiente Pesaro, Italia Nostra Pesaro, con il finanziamento del C.S.V. Marche (Centro Servizi per il Volontariato) e il patrocinio della Provincia di Pesaro ed Urbino, SABATO 17 OTTOBRE, alle ore 16, alla sala del Consiglio Provinciale W. Pierangeli, in via Gramsci 4.

Ogni volta che torna a piovere insistentemente per molti italiani torna la paura di essere allagati o di finire travolti da una piena o da una frana. L’Italia ha un territorio reso fragile dall’eccessiva impermeabilizzazione dei suoli, dalla sconsiderata cementificazione degli alvei dei fiumi, ma anche da una agricoltura chimica che ha trasformato i terreni collinari in deserti o da attività boschive che spesso denudano i versanti. La provincia di PU detiene il record regionale del numero di frane censite: erano 17317 nel 2006, ma ora sono sicuramente molte di più. Basta muoversi sulle colline per rendersi conto della dimensione del fenomeno. Ma sono i fiumi quelli che destano più preoccupazione. Iniziano ad ingrossarsi solo dopo pochi giorni di precipitazioni intense, ed è solo in quei momenti che ci si ricorda di loro. Ma è un errore pensare che si può ottenere la messa in sicurezza dei fiumi o dei torrenti minori agendo solo sull’asta fluviale. Sui fiumi si sommano gli errori commessi quotidianamente nella gestione del territorio compreso nel bacino idrografico. Occorre uscire dalle politiche dettate dalle emergenze, o dagli interventi spot che si concentrano quasi solo sulla rettifica degli alvei, sul rifacimento o costruzione di nuovi argini. Le norme europee, le leggi e i piani regionali impongono la programmazione degli interventi che purtroppo non si riescono a fare a causa delle continue emergenze o alla scarsa collaborazione tra gli enti competenti. Ma il buon senso chiede a tutti maggiore responsabilità nella cura del territorio, con scelte urbanistiche e politiche agro-forestali improntate alla sostenibilità ambientale ed al bene comune e non tanto agli interessi economici dei singoli o ad obiettivi di breve termine.

Associazione
La Lupus in Fabula Onlus

Argonauta Fano
Italia Nostra Pesaro
Legambiente Pesaro
WWF

Condividi:

Rispondi