Fiaccolata nella notte per il sindaco Rossi. Solidarietà arriva anche dal Consigliere Mirco Carloni

Fiaccolata nella notte per il sindaco Rossi. Solidarietà arriva anche dal Consigliere Mirco Carloni

CARTOCETO – E’ stata organizzata una fiaccolata nella serata di ieri dal comitato cittadino “L’Urlo di Cartoceto”, mentre il Sindaco Enrico Rossi e’ rimasto sospeso tutta la notte sul braccio meccanico di una gru, posizionata sopra il tratto di mura cittadine crollato con l’alluvione del 2012.
Era salito ieri intorno alle 12.30 ,dopo aver scritto una lettera al presidente Napolitano,al premier Renzi e al capo della Protezione civile Franco Gabrielli per spiegare la situazione del borgo medievale. Continuando tutt’ora lo sciopero della fame e della sete sta attendendo risposte concrete e certezze da parte delle istituzioni.
Un’azione clamorosa, contro la burocrazia che impedisce l’inizio dei lavori di ricostruzione e di consolidamento delle mura cittadine. Infatti parte della cinta muraria è crollata in due occasioni: nel novembre del 2012 in via Del Santuario proprio dove è stata posizionata la gru e a novembre 2013 quando ha provocato danni sia in piazza Garibaldi che in piazzale Marconi dove si è aperta una voragine spaventosa di 10 metri per 20 e profonda circa 10.

Tanta la solidarietà dei suoi concittadini, ma dal Consigliere regionale e comunale di Fano Mirco Carloni: “Ho parlato telefonicamente con il sindaco di Cartoceto Enrico Rossi per dargli la mia solidarietà per questa situazione che vede la sua comunità giustamente preoccupata per il rischio reale di un ulteriore crollo delle mura.
Come per Genova i ricorsi alla giustizia amministrativa provocano dei ritardi sulla assegnazione dei lavori già finanziato dalla regione con somma urgenza. Il paradosso è che lo stanziamento con somma urgenza per il rischio di un crollo delle mura sia sottoposto ad un percorso giudiziario che vede rinviare la questione di mese in mese. Stiamo andando verso il periodo delle piogge con il conseguente rischio idrogeologico, abbiamo assistito a Genova ai danni evitabili se i lavori fossero partiti in tempo senza ricorsi amministrativi pertanto bene ha fatto a non aspettare di piangere dopo che un dramma accada. Io ho seguito con Rossi la vicenda dall’inizio ed è assurdo che per fare i lavori a protezione di mura crollate ci sia un iter burocratico che vede tutti impotenti quindi la protesta è un fatto necessario. Già da questa sera mi sto adoperando per sapere se entro il mese si possa chiudere con certezza la vicenda.”

Mirco Carloni

fiaccolata Cartoceto5

fiaccolata Cartoceto2

fiaccolata Cartoceto

cartoceto 7

fiaccolata 9

fiacco

cartoceto 7

Condividi:

Rispondi