FDI-AN Fano: “Piano diabolico del PD. Pesaro prende tutto e lascia un deserto sanitario in Provincia”

FDI-AN Fano: “Piano diabolico del PD. Pesaro prende tutto e lascia un deserto sanitario in Provincia”

FANO – “La riforma sanitaria regionale attuata da Ceriscioli ed PD ha mostrato il lato più prepotente e cinico del centrosinistra che usa bastone e carota. Il giorno della vigilia di Natale, la giunta regionale approva alcune determine d’attuazione del piano sanitario e alcuni sindaci dell’entroterra si ritrovano l’ultimo dell’anno coi loro ospedali chiusi.

Ecco il bastone del PD: tutti zitti, qui comandiamo noi!

A ciò segue il sollevamento popolare. E i sindaci PD, che fino a ieri avevano finto di non vedere ciò che stava accadendo ai loro nosocomi, s’incatenano mentre i consiglieri regionali PD fingono di strapparsi le vesti. Insomma, il solito teatrino del PD, mentre la gente, quella vera, insorge.

Alla riunione d’area vasta i sindaci di sinistra, dopo aver finto d’arrabbiarsi, votano un documento che autorizza Ceriscioli a proseguire nello smantellamento della sanità dell’entroterra, rallentando solo di qualche mese.

Ecco la carota del PD: vi diamo qualche briciola ma mangiamo tutto.

Di fronte a tale situazione, a Fano dovremmo dire mors tua vita mea: la chiusura degli ospedali dell’entroterra avvantaggerà gli ospedali della costa. Ma non è così!

Leggendo attentamente gli atti (non le promesse elettorali del PD) si capisce che il nuovo ospedale unico è solo uno specchietto per le allodole.

Il piano diabolico del PD è ormai chiaro a tutti. Prima chiudono gli ospedali dell’entroterra; quindi depotenziano quelli di Pesaro e Fano, non procedendo alla vera integrazione ma creando caos e disservizi. Si fa poi notare che i due nosocomi sono obsoleti per cui occorre il nuovo ospedale unico! Giunti a questo punto, viene creata una fittizia lotta tra Pesaro e Fano, tra i siti di Muraglia e di Chiaruccia. In realtà non si parla di sanità ma d’una chimera.

Ecco il fumo del PD: vi promettiamo un ospedale nuovo e poi vi diremo che non ci sono i soldi, quindi chiuderemo Fano e investiremo per ampliare Muraglia!

Anche Seri dovrebbe ormai aver compreso che dopo la chiusura di Cagli, Fossombrone e Sassocorvaro toccherà prima all’ospedale di Pergola, infine a quelli di Fano e Urbino.

Ecco la realtà del PD: Pesaro prende tutto, lasciando un deserto sanitario nel resto della provincia. Ma anche a Pesaro si accorgeranno, prima o poi, che il loro Ospedale da solo non potrà rispondere ai bisogni dei malati d’una provincia lasciata senza assistenza ospedaliera.

Per tutto ciò Fratelli d’italia di Fano dice no a questo piano sanitario, dice no alla chimera dell’Ospedale Unico: un inganno senza progetto nè copertura finanziaria. Dice no alla faziosa guerra tra gli ospedali di Pesaro e Fano poiché quello che cerchiamo è la vera integrazione, non una lotta che vede in partenza Fano perdente ed il PD pesarese vincente.

A Seri ricordiamo il famoso ex Ospedaletto dei Bambini, una struttura d’eccellenza distrutta dal suo partito.

Seri allora si opponga veramente all’ospedale unico e al piano sanitario del PD che smantelleranno la sanità pubblica fanese e di tutta la provincia!”.

DIRETTIVO FDI/AN FANO

Condividi:

Rispondi