Fano, il 2 e 4 dicembre al Teatro della Fortuna arriva il Nabucco.

Fano, il 2 e 4 dicembre al Teatro della Fortuna arriva il Nabucco.

Al Teatro della Fortuna arriva la nuova produzione della Rete Lirica delle Marche. La regia è del M° Pier Luigi Pizzi, che per la prima volta si confronta con questo capolavoro di Giuseppe Verdi e torna a Fano dopo il successo ottenuto la passata stagione con Madama Butterfly. La scelta operata va verso la semplicità dell’impianto scenografico e dei movimenti di regia (punti cardine sono le luci e i costumi), per dare risalto alla musica e al canto che sono i veri protagonisti dell’opera, come ha affermato lo stesso regista.

Saranno circa 500 gli studenti che assisteranno giovedì 24 novembre alle ore 21.00 al Teatro dell’Aquila di Fermo all’anteprima per le scuole del nuovo allestimento del “Nabucco” di Giuseppe Verdi con la regia, le scene ed i costumi di Pier Luigi Pizzi. Gli alunni arriveranno dai seguenti istituti scolastici: ISC “FRACASSETTI” – ISC “DA VINCI” – ITIS “MONTANI” – ITET “CARDUCCI-GALILEI” – LICEO CLASSICO “A. CARO” – LICEO SCIENTIFICO “T. C. ONESTI”, tutti di Fermo e ancora: ISC FALERONE e SCUOLA MEDIA “A. BACCI” di SANT’ELPIDIO A MARE.
Si tratta del secondo titolo in cartellone della stagione d’opera 2016 del Teatro dell’Aquila di Fermo che, dopo l’anteprima del 24, tornerà in scena sabato 26 novembre, sempre alle ore 21.00. Si tratta di una nuova coproduzione della Rete Lirica delle Marche, che vede insieme al Teatro dell’Aquila di Fermo, il Ventidio Basso di Ascoli Piceno ed il Teatro della Fortuna di Fano. Dramma lirico in quattro parti su libretto di Temistocle Solera, Nabucco vedrà sul podio il M° Matteo Beltrami dirigere la Form, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana, mentre il Coro Ventidio Basso sarà diretto dal M° Giovanni Farina.
Nabucco sarà interpretato da Gevorg Hakobyan, Ismaele avrà la voce di Ivan Defabiani, Zaccaria Simon Lim, Abigaille Alessandra Gioia, Fenena Anna Pennisi, Gran Sacerdote Alessio De Vecchis, Abdallo Carlo Assogna, Anna Jinkyung Park.

Condividi:

Rispondi