Esperti di tumori, nazionali e regionali, si confrontano a Fano

Esperti di tumori, nazionali e regionali, si confrontano a Fano

FANO – Una maratona di due giorni per fare il punto sulle procedure terapeutiche più moderne nel
trattamento dei tumori, potenzialmente operabili, di stomaco, colon, pancreas e retto. I maggiori
esperiti regionali e nazionali in materia, si sono dati appuntamento al Tag Hotel di Fano il 25 e 26
maggio: qui discuteranno e si confronteranno all’interno del convegno, patrocinato dall’Azienda
ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord e presieduto dal Direttore di Oncologia Rodolfo Mattioli, e
dal collega, Direttore della Chirurgia Generale, Alberto Patriti.
Una occasione per mettere a confronto le esperienze maturate, che vedono lavorare in tandem
specialisti di diversa estrazione professionale, dai chirurghi agli oncologi medici, dai gastroenterologi
ai radiologi, fino alla collaborazione tra anatomo patologi, biologi molecolari e farmacisti. Proprio la
creazione di team dedicati, volti ad offrire al paziente la migliore qualità possibile, sarà al centro
dell’incontro dove si discuterà di nuove terapie neo-adiuvanti e perioperatorie, delle avanzate
radioterapie conformazionali (tomoterapie), delle indicazioni più aggiornate nella terapia post
chirurgica, compresa la chirurgia robotica già in utilizzo all'interno della Azienda Ospedaliera Marche
Nord, e della selezione dei pazienti più idonei alle terapie oncologiche adiuvanti postchirurgiche, da
definirsi anche in base alle caratteristiche di biologia molecolare del tumore operato o tipizzato. Non
verranno tralasciate tutte le strategia delle fasi avanzate di malattia in relazione alle caratteristiche
biologiche della varie neoplasie gastroenteriche.
Un pool di professionisti, esattamente 36 medici, si alterneranno in cattedra durante la maratona di
due giorni; alcuni sono volti noti dell’azienda ospedaliera, che insieme ai colleghi di altre realtà
sanitarie si confronteranno sulle pratiche in uso e sulle procedure terapeutiche più moderne nel
trattamento dei tumori di stomaco, colon, pancreas e retto.

Condividi:

Rispondi