“Energia per l’edilizia e per il lavoro”, sala del consiglio comunale piena di gente

“Energia per l’edilizia e per il lavoro”, sala del consiglio comunale piena di gente

FANO – Una sala del consiglio comunale piena come accade solo nelle occasioni di grandi proteste ha ospitato la proposta di Bene Comune su “Energia per l’edilizia e per il lavoro”. Sul tema si sono confrontati Andrea Baroni di Confindustria Pesaro Urbino, Matteo Pedini ingegnere esperto di energia, Michele Altomeni della Cooperativa Eticare che ha invano proposto, negli ultimi anni, tante buone pratiche di risparmio energetico rifiutate dal Comune di Fano.

Contributi importanti sono stati portati da Roberta Ansuini, ingegnere dell’Università Politecnica delle Marche, candidata di Bene Comune nella lista 5 Stelle, che ha trattato il tema della “Città intelligente e i fondi europei” (mai intercettati dal Comune di Fano e Leonardo Zan, geologo che ha illustrato le grandi potenzialità della geotermia nel nostro territorio. La costituzione di un distretto dell’energia, come proposto da Bene Comune, necessità di un accordo di programma che coinvolga anche le banche per cui fondamentale è stato il supporto di Paolo Manoni di Banca Etica e Giorgio Tonelli direttore di BCC Suasa, che hanno illustrato quello che già stanno facendo e intendono potenziare nel settore del finanziamento a cittadini e imprese per la riqualificazione energetica degli edifici.

Fausto Baldarelli della CNA ha sottolineato l’importanza della propsota di Bene Comune perchè costituisce la vera risposta alla crisi dell’edilizia che ha bisogno di ripartire non dalle grandi lottizzazioni ma dai tantissimi interventi di ristrutturazione e riqualificazione energetica che oggi hanno anche un forte sostegno grazie alle detrazioni fiscali. Ha concluso il candidato Sindaco di 5 Stelle e Bene Comune Hadar Omiccioli il quale ha evidenziato i tanti treni persi dalla giunta Aguzzi (neppure un pannello fotovoltaico sui tetti degli edifici pubblici quando invece tanti comuni vicini per 20 anni usufruiranno di grandi contributi statali grazie agli investimenti fatti nel settore dell’energia) e gli sprechi enormi, più di un milione di Euro all’anno, nella pubblica illuminazione e nella gestione del calore negli edifici comunale.

Se Hadar Omiccioli diventerà sindaco, quello che è stato un ottimo convegno di grande livello tecnico e poltiico sarà ripetuto per avviare concretamente una svolta nel settore energetico della nostra città per costituire quel distretto energia che potrà dare, come concordamente tutti gli intervenuti hanno evidenziato, un grande contributo alla ripresa del lavoro e della qualità della nostra città.

Luciano Benini

Condividi:

Rispondi