Degrado, lettera aperta dell’ex sindaco di Fano Giuliani

Degrado, lettera aperta dell’ex sindaco di Fano Giuliani

FANO – Per anni ho dedicato parte del mio tempo al fine di contribuire alla soluzione dei problemi locali. Conosco quindi le difficoltà che si possono incontrare nella gestione di un Comune, ma l’invasione di vegetazione spontanea che oggi deturpa anche monumenti importanti del nostro patrimonio di interesse storico-artistico non può essere giustificata da carenze di bilancio. Essa deriva, indubbiamente, da indifferenza al degrado, biasimevole sempre, tanto più nell’imminenza della stagione turistica. Il bastione del Nuti, già restaurato negli anni novanta, dopo un lungo periodo di abbandono, è di nuovo corroso da ciuffi di “erba muraiola o spaccapietra”, il fossato contiguo è in condizioni ancora peggiori, completamente ricoperto da ogni sorta di vegetazione selvaggia.

E ancora: cespugli di erbacce sono presenti lungo il piede delle murature di Porta Maggiore, nel fornice sinistro dell’Arco d’Augusto, proseguendo oltre, lungo le fronti di edifici pubblici e privati, tra cui Palazzi Severi e Rinalducci, ex Chiesa di S.Domenico, Palazzo Martinozzi, più avanti Torre S.Elena, Palazzi Montevecchio e Nolfi, case Malatesta, infine Palazzo Comunale all’angolo tra via Nolfi e via Garibaldi.

Quest’ultimo esempio può spiegare la ragione per cui l’art.69 del Regolamento Edilizio Comunale, che obbliga “i proprietari dei fabbricati lungo le vie pubbliche ad estirpare la vegetazione spontanea per lo spazio di un metro dal filo del muro”, sia rimasto, per lungo tempo, lettera morta, assieme al successivo art.72 che, a sua volta, obbliga i proprietari di fabbricati alla tinteggiatura dei relativi prospetti degradati. Certo è che quando l’obiettivo di chi è al governo della città è quello di “accontentare tutti”, senza alcuna assunzione di responsabilità che possa in qualche modo diminuire il consenso, è vano sperare in un’inversione di tendenza.

Giuliano Giuliani – ex Sindaco di Fano

Condividi:
  1. Come sempre per questa giunta prima eventi e feste…magari poi il resto si fa da se! Per fortuna siamo arrivati al “THE END”!!!

    Rispondi
  2. e vogliamo parlare di quando gli addetti ai lavori tagliano l’erba e la lasciano li senza raccoglierla, intasando strada e magari tombini? mentre noi siamo obbligati a raccoglierla………..
    fatevi un giro su via roma verso rosciano, l’erba è stata tagliata ma è tutta a lato strada
    la legge NON è uguale per tutti

    Rispondi
  3. Grazie di cuore a tutti Voi che avete governato fino ad oggi. Questa foto rappresenta esattamente quello che lasciate nella mente dei Fanesi che, vi ricorderanno con estremo rammarico. Grazie ancora. La tempesta e’ finita, il nuovo sole sorgerà.

    Rispondi

Rispondi