Dacia Maraini a Mondolfo

Dacia Maraini a Mondolfo

MONDOLFO – E’ la scrittrice, poetessa, saggista, drammaturga e sceneggiatrice italiana, Dacia
Maraini, l’ospite illustre dell’appuntamento di venerdì, 4 maggio 2018, con il Premio Nazionale “Il
Coraggio delle Donne”, istituito dall’Amministrazione comunale, assessorato alla Cultura.
Nei suoi romanzi, dalle prime opere in cui gli ideali risultano più sfumati fino alle prove successive
molto più forti e sicure, esce il pensiero costante di questa importante scrittrice, articolato attraverso
alcune specifiche tematiche: come lei stessa ha avuto modo di dire “scrivere è un modo per superare
l’alienazione di cui si è vittima in un mondo frenetico e violento come quello moderno”.
Attraverso la scrittura la giovane Dacia Maraini ha saputo affrontare le sue emozioni più intime e i
suoi ostacoli interiori.
Esprimere l’emozione, dare spazio all’interiorità intesa come un groviglio di sensazioni e
inquietudini, è un obiettivo costante dei suoi lavori.
È sempre attivissima in campo sociale: la condizione delle donne, le violenze contro queste ultime,
tanto in un clima familiare quanto in un clima sociale e lavorativo, sono un tema e una lotta sociale,
per la Maraini, costante, insieme al dibattito sulla legalità e alla lotta contro le mafie.
Espresse queste idee attraverso i suoi romanzi e le sue poesie, la Maraini vede sicuramente nel
teatro un luogo privilegiato per sensibilizzare il pubblico.
All’appuntamento di venerdì 4 maggio 2018, alle ore 21.15, nel Salone Aurora del Complesso
Monumentale di Sant’Agostino a Mondolfo, Dacia Maraini presenterà il suo ultimo libro “Tre
Donne” dove ogni donna è una voce, uno sguardo, una sensibilità unica e irripetibile. Lo sono anche
Gesuina, Maria e Lori, una nonna, una madre e una figlia, forzate dalle circostanze a convivere in
una casa stregata dall'assenza prolungata di un uomo. Sono queste le protagoniste della sua ultima
fatica.
Un appuntamento da non perdere. Un ospite d’eccezione che non ha bisogno di presentazioni che
saprà prenderci per mano e portarci nel suo mondo di donne coraggiose.

Condividi:

Rispondi