Con la mostra “Metaurilia orto di mare” si anima il fine settimana

Con la mostra “Metaurilia orto di mare” si anima il fine settimana

FANO – Appuntamento ricco di eventi venerdì 3 agosto dalle ore 18, alla mostra Metaurilia orto di Mare che dal 20 luglio si svolge presso la scuola d’infanzia accanto alla chiesa.
Si comincia con la visita guidata della mostra che Tarcisio Vitali, memoria storica della borgata e arguto narratore di tantissimi aneddoti gustosi, illustrerà in dialetto attraverso i vari pannelli descrittivi che raccontano la storia di Metaurilia dalla nascita nel 1934 allo scoppio della guerra.
Seguirà il pluripremiato autore dialettale fanese Elvio Grilli che reciterà alcune sue poesie dedicate a Metaurilia come “Dla Dal Pont… “, deliziosa e ironica ballata in rima e “12, 18, 24” numeri che indicano le famose misure dei cavoli – il prodotto più noto degli ortolani-pescatori- che fanno riferimento a quanti cavoli stavano in una cassetta (la misura 12 corrispondeva a quelli più grandi, i più pregiati, 12 in ogni cassetta).
Susanna Pucci nipote di Alceo Pucci racconterà infine alcuni episodi di suo zio, giovane partigiano fanese caduto durante la guerra di resistenza nel 1945 e al quale è intitolata la piazzetta di Metaurilia.
Anche questo weekend non mancherà il lato culinario. Per allietare i visitatori infatti, le ortolane di Metaurilia volontarie del Circolo Albatros, cucineranno nel giardino della scuola i pomodori gratinati, ricetta tradizionale della borgata e memoria del tempo che fu.
La mostra Metaurilia Orto di Mare prosegue durante il weekend, sabato e domenica dalle h 18 alle 22,30 e si concluderà domenica 19 agosto.

La mostra inaugurata venerdì 20 luglio, presenta uno spaccato della storia della Borgata Rurale costruita nel ventennio alle porte di Fano attraverso pannelli esplicativi, foto e documenti inediti oltre a uno splendido diorama. Quel che resta di un sogno. Ovvero una bella casa colonica (115 strutture ormai quasi del tutto modificate) dove abitavano più di cinquecento ortolani che per sbarcare il lunario, nei primi anni di magra, facevano anche i pescatori. Da qui il nome della mostra e del progetto: Metaurilia orto di mare.

Per informazioni
Maura Garofoli, ufficio stampa 335-8456368

Condividi:

Rispondi