Comandante muore al timone del suo peschereccio

Comandante muore al timone del suo peschereccio

FANO – Il comandante di un peschereccio di Fano, il ‘Palissandro’ è morto per un malore mentre era al timone dell’imbarcazione, in navigazione al largo del porto di Ancona. Gabriele Gaggi, 56 anni, di Fano, è stato soccorso da una motovedetta della Guardia costiera e da personale specializzato che ha tentato di rianimarlo in mare, ma le sue condizioni sono apparse subito gravissime. All’arrivo in banchina nel porto di Ancona è morto, e il medico del 118 non ha potuto far altro che constatarne il decesso. Il motopesca è stato condotto in porto da un altro membro dell’equipaggio.

LA POESIA PER LELE

testimon

E’ mort Gabriele e … én’j la fàg a fermâ i lagrimón e i sangós.
Se mòr, tùti, quànd prima quànd dòp; mo d’acsì én va bèn.
Opùr, en’él so; magâri è mèj, per te.
A murì du si sèmper visùt; sa ch’él surìs a òchi stréti, guâsi da cinés.
Amìch mìa de sèmper; quànd, incrustâti de réna e de sâl, màma tua ce sciaquâva tél mastél sal sción, al Gugùl.
Quàn t’incasâvi che ji te fregâva sèmper, a cùra; e ancora m’él rinfaciâvi, per rìda, a distànsa de più de quarant’àn.
Quànd me dicevi: “Vién sa me a vulànt; è n’esperiènsa ch’âi da fâ”
E ànca questa me manca: uguâl a cum me mancarâi te.
Te mét questa machì; che l’avéva scrìta per Titovézio mo … che va bèn per tùti quéj che del mâr e dal mâr hàn prés vita e che mal mâr l’àn restituita.

Tratta dal Gruppo Facebook  El vér dialèt fanés

Condividi:

Rispondi