Cocaina e marijuana spacciata al Pincio, davanti scuole, alla stazione di Fano ed a Colli al Metauro – VIDEO

Cocaina e marijuana spacciata al Pincio, davanti scuole, alla stazione di Fano ed a Colli al Metauro – VIDEO

FANO – Con l’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare del principale indagato è terminata
l’operazione antidroga “Enzino & Vapi”. Il nome dell’attività, condotta dai carabinieri del
nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Fano in collaborazione con le stazioni di
Monte Porzio e Colli al Metauro, deriva proprio dai nomignoli dei due maggiori indagati.
Le indagini hanno avuto inizio ad ottobre 2017 con il sequestro da parte dei carabinieri della
stazione di Monte Porzio di 50 grammi di marijuana a quattro minorenni del posto, segnalati
poi alla procura per i minorenni di Ancona.
Le successive attività tecniche supportate in prima battuta dai carabinieri del nucleo
operativo della compagnia di Fano e successivamente dalla stazione di Colli al Metauro,
avevano permesso in breve tempo di individuare il pusher, S.T., trentatreenne di origini
pugliesi con dimora a Marotta di Fano. L’uomo, conosciuto dalle forze dell’ordine, titolare
di una modesta pensione di invalidità, aveva deciso di moltiplicare le entrate con gli introiti
dello spaccio di marijuana e cocaina.
Enzino, subito dopo l’avvio delle attività, veniva tratto in arresto in flagranza di reato
sorpreso mentre era di ritorno, insieme al nipote, da Calcinelli dove si era rifornito di una
decina di grammi di cocaina. Nel corso dell’udienza di convalida il Giudice lo aveva subito
rimesso in libertà con l’obbligo di presentarsi giornalmente ai carabinieri di Fano. Ma né
l’arresto né tantomeno la misura cautelare lo avevano dissuaso dal riprendere l’illecita e
redditizia attività di pusher.
Le successive indagini, anzi, avevano consentito di appurare che il pusher era diventato il
punto di riferimento per numerosissimi minori sia di Fano che dei comuni limitrofi
garantendo un presidio fisso nei luoghi di maggiore affluenza dei giovanissimi: stazione dei
bus, Pincio, non disdegnando gli ingressi delle scuole superiori.
Dopo un mese di pedinamenti ed il recupero di numerose dosi appena cedute ad una decina
di acquirenti per lo più minorenni, Enzino veniva nuovamente arrestato in flagranza mentre,
sotto al suo palazzo di via Adriatica Sud, spacciava a due giovani, di cui uno minore, una
bustina con dieci grammi di marijuana.

Dalla successiva perquisizione del suo appartamento, i carabinieri recuperavano, occultata
in un apposito vano ricavato dietro al forno della cucina, altri 450 grammi di marijuana già
confezionata in involucri del tutto simili a quello sequestrato poco prima insieme a diversi
bilancini di precisione e rotoli di cellophane.
Dopo questo secondo arresto interlocutorio Enzino, al termine di approfondite indagini con
identificazione di decine e decine di clienti, perlopiù minorenni, è stato destinatario di
un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pesaro su
richiesta del P.M. titolare delle indagini, dott. Napolillo, che i carabinieri di Fano hanno
eseguito nei giorni scorsi. Tutti gli adolescenti identificati, invece, sono stati segnalati alla
Prefettura di Pesaro quali assuntori di stupefacenti e dovranno sottoporsi ad uno specifico
programma di recupero.
Parallelamente l’indagine si era ramificata al fine di identificare il livello superiore, ovvero i
fornitori di stupefacente di Enzino. In particolare occorreva identificare Vapi di Calcinelli, il
procacciatore di cocaina. Dopo poco veniva individuato in A.V., ventiquattrenne di origini
macedoni, dimorante a Calcinelli dedito a lavori saltuari. Le indagini in rapida sequenza
permettevano di accertare che il giovane macedone aveva organizzato, in concorso con il
coetaneo albanese E.L., una propria rete di piccoli spacciatori operanti a Fano ed in
provincia. Infatti, i carabinieri arrestavano un loro galoppino proprio mentre nei pressi
dell’Arco di Augusto cedeva ad una giovane cameriera fanese quattro dosi di cocaina. Il
pusher tratto in arresto, anch’esso di origini albanesi, clandestino sul territorio nazionale e
privo di occupazione, veniva sottoposto dal Giudice al divieto di dimora nella provincia di
Pesaro mentre il Questore emetteva l’ordine di espulsione dall’Italia.
Nel corso delle indagini venivano identificati anche altri due pusher terminali dei due slavi:
M.M., ventisettenne magazziniere di Colli al Metauro, volto noto ai carabinieri della locale
stazione ed S.G., insospettabile operaia ventisettenne di Colli al Metauro.
La fiorente attività illecita organizzata da A.V. e E.L. veniva troncata una domenica sera
mentre loro due, insieme all’ulteriore galoppino connazionale J.D., stavano rientrando
dall’hinterland di Perugia, dove si erano riforniti di un panetto sottovuoto di circa un etto di
cocaina. Il loro viaggio era stato, però, interrotto da un controllo dei carabinieri di Colli al
Metauro all’uscita della superstrada di Calcinelli. Tutti e tre venivano arrestati e tradotti al
carcere di Pesaro.
L’attività nel suo complesso, condotta dai carabinieri della compagnia di Fano e delle
stazioni di Colli al Metauro e di Monte Porzio, si concludeva con l’arresto di 7 spacciatori,
alla denuncia in stato di libertà di 6 galoppini, alla segnalazione al Prefetto di Pesaro quali
assuntori di decine di adolescenti, al sequestro di oltre mezzo chilo di marijuana e di oltre
un etto di cocaina che aveva generato un giro di denaro di oltre 20 mila euro al mese.

Condividi:

Rispondi