Chiusura Polizia Stradale Fano, Ricciatti :“risparmi risibili ma gravi perdite per il territorio”. 

Chiusura  Polizia Stradale Fano, Ricciatti :“risparmi risibili ma  gravi perdite per il territorio”. 

“Una riorganizzazione che non tiene conto delle concrete esigenze di sicurezza del nostro territorio e, se attuata, porterà risparmi risibili sui conti a fronte di gravi perdite per il territorio”.
È quanto sostiene l’on. Lara Ricciatti, di recente eletta vice capogruppo alla Camera del Movimento Democratici e Progressisti, in merito al progetto di riorganizzazione di alcune articolazioni della Polizia di Stato, che prevede la soppressione del distaccamento della Polizia Stradale di Fano con conseguente assegnazione del personale alla Sottosezione Autostradale.
“Una scelta che rischia di penalizzare fortemente il nostro territorio – osserva Ricciatti – già caratterizzato da una pianta organica sottodimensionata delle forze di polizia. Fano è la terza città delle Marche per popolazione ed è uno snodo viario strategico, dalla strada di grande comunicazione Fano-Grosseto, all’Adriatica e la Flaminia, nonché l’A14; assegnare tutto il personale della Polizia Stradale alla Sottosezione Autostradale significa concentrare tutte le risorse disponibili su un unico fronte a discapito di un territorio articolato e di una attività di presidio e controllo che conta almeno cinquanta pattugliamenti mensili, numerosi controlli e interventi di varia natura nell’ambito dei servizi di istituto della Stradale.
Il progetto del ministero non tiene conto, inoltre, del fatto che molti dei vantaggi che la soppressione-accorpamento del distaccamento di Polizia Stradale dovrebbe generare in termini di ‘economia di scala’ del personale impiegato, sono stati già ottenuti con il precedente accorpamento del distaccamento di Polizia Stradale al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Fano: l’attività burocratica della Stradale è, infatti, svolta principalmente dal Comandante, che viene coadiuvato da altro personale solo quando svolge straordinario programmato; la vigilanza della struttura viene svolta dal personale del Commissariato; non ci sono oneri di affitto, come per altre strutture, in quanto lo stabile è di proprietà dello Stato.
Per questo – conclude Ricciatti – ho ritenuto opportuno sollecitare il Ministro Minniti a tener conto di questi aspetti rilevanti e valutare l’opportunità di rivedere la decisione che riguarda la Stradale di Fano o, perlomeno, sospendere il piano di riorganizzazione e valutare ulteriori approfondimenti, coinvolgendo in modo attivo anche le istituzioni territoriali e gli operatori di polizia stessi”.

Condividi:

Rispondi