Centro destra. Assestamento di bilancio: promesse allo sport non mantenute e spese inutili

Centro destra. Assestamento di bilancio: promesse allo sport non mantenute e spese inutili

FANO – Con rammarico abbiamo constatato, durante il consiglio comunale di ieri, terminato alle 3.01 della notte, che questa giunta di sinistra si è dimostrata ancora una volta sorda e lontana dalle istanze dei cittadini e delle società sportive, le quali tutti i politici non perdono mai occasione di ringraziare.
Abbiamo provato ad emendare i capitoli di bilancio in cui sono previste maggiori spese per il trasferimento (inutile) di uffici comunali e interventi straordinari agli edifici comunali, favorendo l’aumento dei capitoli per lo sport e per l’arredo urbano dei quartieri e del centro storico.
Purtroppo i fanesi devono sapere che al posto di privilegiare la sistemazione del verde nelle periferie, dei parchi pubblici, dei giochi per bambini, di marciapiedi fatiscenti, di sgambatoi per cani, la maggioranza ha preferito rimpinguare il bilancio dell’ Ente Carnevalesca (anticipando in maniera inopportuna ben 130.000 euro sul 2018) e 50.000 euro alla Fondazione Teatro. Tutto questo grazie al record di multe elevate in tutta la storia di Fano (2.2 milioni di euro) e grazie a risparmi dell’appalto calore (che rischiano di lasciare al freddo i bambini che frequentano le nostre scuole).
Per quanto riguarda gli investimenti in conto capitale, ben venga il sottopasso del Lido, ma mancano all’appello gli interventi straordinari di sistemazione degli impianti sportivi fanesi (ad esempio la palestra di Cuccurano, dove ci piove dentro, oppure la pista d’atletica Zengarini, solo per citarne due).
Purtroppo questa maggioranza ha preferito (politicamente) sperperare 950.000 € di fondi pubblici per la riqualificazione del Pincio (opera importante ma che poteva esser fatta anche con la metà delle risorse), rinunciando alla riqualificazione di Piazza Costanzi e Via Cavour (prevista per 532.000 euro), dove ci lavorano decine di attività economiche, e non inserire nemmeno un euro per la riqualificazione della zona mare (Lido e Sassonia in primis).
I soldi questa volta c’erano, ma si è preferito accontentare le due nuove assessore Carla Luzi di Sinistra Unita e Barbara Brunori di Noi Città, accontentandole con progetti per pochi quartieri “pilota” della città, tralasciando le zone in cui ruotano le attività produttive e i quartieri che questa maggioranza considera di serie B.

Luca Serfilippi – La Tua Fano
Stefano Mirisola – Forza Italia
Davide Delvecchio – Udc
Marianna Magrini – Progetto Fano
Gianluca Ilari – Progetto Fano

Condividi:

Rispondi