Cento anni e non sentirli, l’aeroporto di Fano verso il futuro: ecco i progetti

Cento anni e non sentirli, l’aeroporto di Fano verso il futuro: ecco i progetti

FANO – La nuova stagione dell’aeroporto Walter ed Enzo Omiccioli passa per l’unione. Unione di tutti gli operatori aeroportuali, che credono fortemente nel rilancio di una struttura dalle potenzialità enormi, che finalmente ha trovato un clima disteso e costruttivo, l’ideale per far germogliare i progetti di sviluppo che affondano le radici nella sana passione per le attività di volo.
Non è un caso che la Pilatus abbia scelto proprio Fano per i test del suo bireattore PC24 e non è un caso che le celebrazioni per il centenario, che termineranno a settembre, abbiano riscosso un enorme successo di pubblico grazie anche al sostegno dell’Aeronautica Militare, sempre presente alle manifestazioni e organizzatrice delle indimenticabili giornate di cultura aeronautica di Marzo che hanno portato in volo oltre 250 ragazzi. Questa mattina, il Sindaco di Fano Massimo Seri, ha tenuto una conferenza stampa presso la sala convegni dell’aeroporto “Enzo e Walter Omiccioli” per presentare il nuovo piano di sviluppo aeroportuale, un progetto condiviso da Società Aeroportuale Fanum Fortunae, Eagles Aviation Academy, Aero Club Fano, Alimarche Skydive Fano, Ristornate Barone Rosso, Aerobatics 27 e Yak Italia che ora costituiscono il Gruppo Aeroportuale , che si riconosce nel nuovo logo disegnato da Paolo Picchi, un simbolo che racchiude le cifre del territorio e che apparirà nell’abbigliamento di tutti gli operatori: l’azzurro del cielo, il verde delle colline, il blu del mare, la storia romana e due bambini, perché Fano è anche la città dei bambini e pensare al futuro significa pensare ai più giovani. Un segno che darà l’immagine di un gruppo compatto, pur conservando ognuno la propria autonomia e le proprie caratteristiche.

Il piano di sviluppo del Gruppo Aeroportuale, tiene in considerazione la rivoluzione della viabilità della zona, con le opere compensative dell’autostrada e le nuove strutture in programma di realizzazione dall’amministrazione comunale come la nuova piscina; in questo senso, l’aeroporto di Fano si trova situato in una posizione strategica di passaggio e servizio alla città e a tutto il territorio.

Le tematiche su cui punta lo sviluppo del Gruppo Aeroportuale sono:
1. Implementazione del volo turistico, voli business e da diporto;
2. Scuola di volo;
3. Diversamente Abili;

1. Implementazione del volo turistico, voli business e da diporto;

Fondamentale una serie d’iniziative promozionali e di eventi che rendano l’aeroporto di Fano sempre più conosciuto, meta dell’avioturismo ma anche un pezzo della vita cittadina, a servizio anche del territorio e degli operatori e attività presenti sul territorio (alberghi, bar, ristoranti, aziende prodotti locali, ecc.)
Pacchetti turistici racchiusi in un network di ristoranti, strutture ricettive, cantine e musei che rendano la permanenza degli avioturisti indimenticabile con una serie di percorsi dedicati;
La realizzazione di un distributore self-service di benzina verde in grado di servire la maggior parte dei piccoli aerei in modo da completare l’offerta dei carburanti;
Una serie di soluzioni ecologiche per favorire la mobilità di chi arriva in aereo che potranno muoversi con bici e auto elettriche direttamente dall’aeroporto;
La realizzazione di un punto vendita di prodotti locali a disposizione dei turisti in arrivo;
L’aumento dei servizi di ristorazione/bar;

2. Scuola di volo;

Oggi c’è una grande richiesta di piloti di linea, si stima che nei prossimi 20 anni siano necessari almeno 790.000 nuovi comandanti. Pertanto il progetto prevede l’apertura di un istituto tecnico aeronautico statale a Fano con la collaborazione con una dcuola locale come L’Istituto Professionale Don Luigi Orione o il liceo scientifico Torelli. La realizzazione magari di un villaggio/accademia per gli allievi piloti che sceglieranno Fano per crescere umanamente e professionalmente costruendosi un futuro in aeronautica

3. Diversamente Abili;

Il progetto è quello di poter dare la possibilità a persone disabile e meno fortunate di poter vivere le attività dell’aeroporto e poter provare l’ebrezza del volo, del lancio con paracadute ed altro; Fano e il suo aeroporto diventerebbero i primi a livello Nazionale per eventi del genere

Alla presidenza del Gruppo Aeroportuale, c’è un imprenditore di valore come Massimo Berloni, che metterà la propria esperienza a disposizione di un progetto ambizioso ma concreto.

I prossimi appuntamenti

Raid aereo Fano Rastatt- 12-13 Agosto 2018

Il gemellaggio tra la città di Fano e la città di Rastatt, vive una nuova stagione con il raid aero organizzato dall’Aero Club Fano. 7 velivoli per un totale di 17 persone, Sindaco di Fano in testa, voleranno nell’aeroporto tedesco per creare un nuovo ponte di amicizia tra le due comunità, che questa volta passa per il cielo. Il prossimo anno poi, l’Aero Club di Rastatt Luftsportgruppe ricambierà la cortesia arrivando a Fano con una serie di velivoli tedeschi.

Raduno Nazionale Cap 8-9 Settembre 2018

Il Club Aviazione Popolare ha scelto l’aeroporto di Fano per il suo raduno annuale, sono attesi circa 100 aeroplani che arriveranno da tutta Italia per scoprire Fano e il suo territorio

Paradrenalina 22 settembre 2018

Nel solco della giornata “Volare senza barriere” del 2017, Aero Club Fano vuole ampliare l’impegno per l’inclusione dei disabili, organizzando una giornata speciale durante la quale tutti potranno non solo volare con gli aerei e i piloti che saranno a disposizione, ma anche provare l’emozione di un giro su un’automobile da corsa o il brivido di un lancio con il paracadute, una grande festa per tutti che punta ad azzerare le differenze e vivere insieme una grande giornata di festa.

Condividi:
  1. Giorgio Occhialini 9 agosto 2018, 7:59

    A Fano esiste già la scuola: è l’ITTL (Istituto Tecnico Trasporti e Logistica) ARCHIMEDE del POLO3. Basta aprire la sezione “Conduzione del mezzo Aereo”.

    Rispondi

Rispondi