Camorra: rapporti clan-imprenditori, confisca beni da 10 mln

Camorra: rapporti clan-imprenditori, confisca beni da 10 mln

Militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli hanno dato esecuzione a un provvedimento di confisca emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) nei confronti di due società titolari di sette impianti di distribuzione stradale di carburanti nelle province di Salerno, Benevento, Avellino, Frosinone e Pesaro-Urbino. Il valore complessivo dei beni sottoposti a confisca, costituiti da quote sociali, patrimonio aziendale e rapporti finanziari ammonta a circa 10 milioni di euro. Confermato pertanto il quadro accusatorio che, nel marzo 2013, aveva portato al sequestro, sempre ad opera delle Fiamme Gialle di Napoli, delle citate attività economiche riconducibili ad un imprenditore di Marcianise, nel Casertano, collegato ad esponenti di spicco di gruppi camorristici. Le investigazioni economico-patrimoniali eseguite dai finanzieri del Nucleo Polizia Tributaria – G.I.C.O. hanno, altresì, dimostrato che la costituzione e la successiva gestione delle società confiscate era avvenuta con l’impiego di risorse finanziarie risultate incompatibili con le disponibilità reddituali dei titolari ufficiali, i due figli dell’ imprenditore. (ANSA).

Condividi:
Articoli più recenti
Articoli meno recenti

Rispondi