Botta e risposta sull’albero di Natale, Cisl: “Nessuno vuole essere protagonista”

Botta e risposta sull’albero di Natale, Cisl: “Nessuno vuole essere protagonista”

FANO – “La Cisl di Fano è intervenuta sulla questione dell’albero di Natale non per il gusto della polemica ne tantomeno per un gusto della presenza a tutti i costi. Il nostro intervento è scaturito da alcune considerazioni:
il dato della povertà e della emarginazione sociale dovuta alla crisi economica continua ad essere in continuo aumento e sta raggiungendo in alcune fasce di popolazione percentuali molto alte.
La Cisl come la Cgil ha convenuto con il Comune di Fano ed in particolare con l’assessore ai servizi socilai sulla gestione, sui requisiti e sulla modalità di partecipazione degli utenti al fondo anticrisi.
Le risorse messe a disposizione del fondo anticrisi sono in parte del comune ( 50.000) ed in parte della fondazione Carifnao (30.000). Oggi rimaniamo stupiti che mentre in quel tavolo soprattutto per i tirocini di inserimento avevamo richiesto più risorse per aumentare il numero dei tirocini di inserimento lavorativo come strumento di contrasto alla povertà e all’emarginazione, il Comune invece stanzia risorse significative per l’albero di Natale e le luminarie. Sono scelte
Rimane poi attualmente sospesa la questione dell’ATS 6 di cui sicuramente la responsabilità non ricade su questa amministrazione: non si può però aspettare altro tempo in questa situazione di limbo: il progetto del tavolo della povertà e dell’inclusione sociale proprio per il blocco amministrativo dell’ATS 6 è naufragato.
Rinnoviamo l’invito all’amministrazione di questa città di fare scelte coerenti con il periodo che stiamo vivendo”.

Giovanni Giovanelli
Responsabile AST Fano

Condividi:

Rispondi