Bollette dell’acqua, cambiano i conteggi: aumenti per i single, riduzioni per le famiglie numerose

Bollette dell’acqua, cambiano i conteggi: aumenti per i single, riduzioni per le famiglie numerose

FANO – Con la prossima bolletta dell’acqua entrerà in vigore la nuova delibera 665/2017/R/IDR di Arera, l’Autorità per la regolazione di energia, rifiuti e ambiente, che impatterà in modo sensibile sul corrispettivo da pagare e in particolare sulle utenze domestiche. La nuova fatturazione, a cui Aset è obbligata ad ottemperare, adotta criteri che tendono a stabilire una maggiore equità e che sono riferiti ai Comuni dove Aset è soggetto gestore. Si passa infatti a una tariffa in funzione di quanti sono i componenti del nucleo, che si potrebbe definire personalizzata rispetto al precedente sistema.
Per fare degli esempi concreti, considerando che ci sarà un conguaglio retroattivo per tutto il 2018, ecco quali saranno gli effetti prodotti nella bolletta, a parità di consumo, dai nuovi criteri della delibera di Arera.

Si devono aspettare un aumento le forniture intestate a domestici residenti con nucleo composto da 1 e 2 persone.

Avranno un corrispettivo pressoché invariato le forniture intestate a domestici residenti con nucleo composto da 3 persone.

Si devono aspettare una riduzione le forniture intestate a domestici residenti con nucleo composto da 4 o più persone.

Si devono aspettare un aumento le forniture intestate a domestici non residenti, in quanto non sarà più applicata la fascia agevolata che da ora in poi sarà appannaggio esclusivo dell’utenza domestica residente.

Avranno un corrispettivo pressoché invariato le rimanenti forniture intestate a utenze non domestiche.

«Tra le varie casistiche particolari – spiega Leonardo Mencucci, dirigente dell’Ufficio Commerciale – richiedono massima attenzione le forniture tuttora intestate a persone decedute o non più presenti nel nucleo familiare. Per queste infatti è opportuno oltre che consigliabile volturarle tutte, al fine di evitarne la fatturazione come domestiche non residenti, con conseguente aggravio di costi».
Aset Spa sta comunque organizzando incontri informativi per spiegare in modo approfondito ai cittadini i vari passaggi della delibera che hanno prodotto gli effetti economici evidenziati.

Condividi:
  1. incoscienti! ad adottare delibere perlopiù in modo retroattivo a nuclei famigliari da 1 a 2. Avete provato a pensare alle persone anziane coniugi e/o vedovi che hanno pensioni minime? Rientrerebbero fra i tartassati anche questa volta… quindi di nuovo i più deboli alla gogna.

    Rispondi
  2. Credo sia incostituzionale far pagare ad un cittadino lo stesso bene in maniera diversa… siamo ai cittadini di serie A e altri di serie B …

    Rispondi
  3. siete dei fetenti ..quindi la pensionata con minimo che vive sola deve pagare di più di un gruppo di gente che magari tra lavoro in nero e redditi di cittadinanza guadagna 100 volte di più ..ma sono in 6 o 7?? vergognatevi..loro sprecheranno ..tanto non pagano ..e magari non faranno neppure la riciclata ..premiate chi non merita ..come sempre

    Rispondi

Rispondi