Bivacco in Piazza Unità D’Italia: arrivato il personale ASET e i senza dimora che si sono fatti restituire tutto

Bivacco in Piazza Unità D’Italia: arrivato il personale ASET e i senza dimora che si sono fatti restituire tutto

FANO – “Per correttezza d’informazione, riporto gli ultimi aggiornamenti della situazione di Viale Italia che ho segnalato (con relativa documentazione fotografica).”

“Questa mattina, verso le 11, è arrivato il personale ASET che ha provveduto a rimuovere tutti gli oggetti dalla siepe.
Per una misteriosa coincidenza, proprio nel momento in cui l’Operatore ASET aveva ultimato di caricare il furgoncino, sono arrivati i “proprietari” che si sono fatti restituire tutto.”

“A questo punto siamo andati noi, personalmente, a parlare con questi ragazzi, e tra Italiano stentato e spagnolo siamo riusciti a capire qualcosa. Si tratta di due ragazzi Rumeni, con un piccolo cagnolino, che da Sabato notte “vivono” accampati nella siepe di fronte al nostro ufficio. A quanto pare non hanno dove andare a dormire. Gli abbiamo spiegato che, comunque, non potevano rimanere dove sostavano attualmente.”

“Ci siamo attivati chiamando varie Parrocchie e case di Accoglienza, che però non hanno posto per ospitarli.”

“Ai Servizi Sociali del Comune di Fano ci hanno risposto di avvisare Vigili Urbani o Carabinieri (cosa che abbiamo ripetutamente fatto, ma senza esito).
I due “senza tetto” sono andati via e, al momento, non sono ritornati. Ma sono sicura che saranno andati a cercare un’altra dimora di fortuna, forse in qualche altro quartiere.”

“Il problema è doppiamente grave. Siamo di fronte ad un ennesimo caso di indigenza, a cui tuttavia la nostra Società non riesce a far fronte.
Cosa dobbiamo fare di più, NOI cittadini? Credo che abbiamo fatto tutto ciò che era in nostro potere per cercare di aiutare queste persone visibilmente in difficoltà, ma dalle Istituzioni non abbiamo ricevuto nessun tipo di risposta.
Dove sono i Vigili? Dove sono i Servizi Sociali? Dove sono il Sindaco e l’Assessore alla Legalità e Responsabilità? Chi tutela noi cittadini?”

“Mi auguro che i nostri Amministratori si sveglino presto dal loro torpore e prendano provvedimenti, prima che la situazione sfugga ulteriormente di mano.”

Letizia Conter

IMG_20141104_114155

Condividi:
  1. Si parla tanto ultimamente della collaborazione del cittadino con le istituzioni. Sono le stesse istituzioni ad invitarci a segnalare delle anomalie o problematiche, poi quando si segnala qualcosa, non cambia niente. Si tirano tutti indietro e fanno gli scarica barile. Letizia, lei parla di torpore, ma stiamo andando verso verso l’inverno, questi signori invece andranno in LETARGO!

    Rispondi

Rispondi