Barbieri: “Sistemare l’ex Caserma della Guardia di Finanza”

Barbieri: “Sistemare l’ex Caserma della Guardia di Finanza”

BARBIERI:” FARE DI PIU’ PER LA ZONA MARE DI MAROTTA, GIUNTA BRAVA A PAROLE MA POCO NEI FATTI!”
Interpellanze del Consigliere Barbieri sul futuro dell’ex caserma della Guardia di Finanza e sull’arredo urbano del lungomare.
“La stagione estiva è alle porte e ancora l’Amministrazione non ha provveduto a portare ad uno stato di decenza l’arredo urbano della zona mare di Marotta.” Ad intervenire duramente contro il Sindaco e gli Assessori del Comune di Mondolfo è il capogruppo in Consiglio comunale di “progetto comune”.
“Ho presentato con urgenza due interpellanze: una sulle intenzioni dell’Amministrazione comunale sul futuro dell’Ex caserma della Guardia di Finanza vicino a Piazza Kennedy e l’altra sulla situazione dell’arredo urbano del lungomare di Marotta.”

“Per quanto riguarda l’ex Caserma della Guardia di Finanza, nel verbale di consegna dell’Agenzia del demanio del 26/11/2014 si conferma che con decreto del Direttore regionale è stato disposto il trasferimento della proprietà della struttura a titolo non oneroso al Comune di Mondolfo.

E’ una struttura abbandonata che può diventare importante per il futuro; ho presentato l’interpellanza per sollecitare la Giunta comunale ad interessarsi all’ex caserma e capire insieme alla cittadinanza quale destinazione dare alla stessa, chiedendone una sistemazione.
Siamo stanchi di vedere strutture fatiscenti nel nostro lungomare, siamo ormai abituati ad ascoltare da anni le stesse promesse non mantenute dall’attuale Giunta comunale.

In questo periodo, con il nostro nuovo gruppo di lavoro, incontreremo i cittadini, le associazioni e i comitati del nostro territorio per iniziare a coinvolgere la cittadinanza e capire quale sia la giusta destinazione per il futuro dell’ex caserma della Guardia di Finanza.
Inoltre, l’art.3 del sopracitato decreto (“Clausola di salvaguardia”) cita: “Trascorsi 3 anni dal presente trasferimento, qualora all’esito di apposito monitoraggio effettuato dall’Agenzia del demanio risultasse che l’Ente Civico non utilizzi il Compendio, lo stesso rientrerà nella proprietà dello Stato nella situazione in cui si trova, senza che l’Ente Civico possa pretendere dallo Stato alcunché a qualsiasi ragione o titolo”. E’ dunque importante che l’Amministrazione comunale si attivi subito.”

“Per quanto riguarda l’arredo urbano del lungomare, intendo sollecitare in particolare l’Assessore al Turismo e alla viabilità Mario Silvestrini e l’Assessore ai Lavori Pubblici Alvise Carloni a riportare il nostro lungomare in una condizione “decente”, per rispetto di tutta la comunità e di tutte quelle persone che continuano ogni anno ad investire nel nostro territorio.
In riferimento alla scalinata Faà di Bruno, l’Amministrazione comunale sta provvedendo ad una sistemazione ma invece ritengo sia necessaria la demolizione della struttura. E’ inutile che gli Assessori facciano buoni propositi a parole e sui giornali, quando poi la situazione del verde pubblico, l’incuria delle strade e dei marciapiedi e gli edifici fatiscenti della zona mare rivelano a tutti gli errori e la trascuratezza di questa Giunta comunale. Purtroppo Sindaco e Assessori stanno lasciando la città abbandonata a se stessa”.

Nicola Barbieri, Consigliere comunale di opposizione, Capogruppo di “progetto comune”

nicola barbieri mondolfo

Condividi:

Rispondi