Appalto servizi della mensa scolastica: la richiesta di Fisascat CIsl della Funzione Pubblica CGil

Appalto servizi della mensa scolastica: la richiesta di Fisascat CIsl della Funzione Pubblica CGil

FANO – “A Fano le 40 operatrici addette alla preparazione pasti delle strutture per l’infanzia del Comune rischiano, alla riapertura dei plessi scolastici dopo la pausa natalizia, di ritrovarsi senza il posto di lavoro. Il pericolo deriva dalla pubblicazione del nuovo bando di gara che non tutela l’occupazione perché non inserisce la clausola sociale che tutela il passaggio dei /le lavoratori/ci dall’attuale gestore al futuro affidatario.
Le OOSS , accortasi della mancata tutela, scrivono, in data 11 Novembre alla dirigente dei Servizi Educativi, Al Sindaco e all’Assessore,segnalando il probabile rischio, richiedendo un incontro urgente per dirimere e scongiurare l’eventuale perdita dei posti di lavoro. Per tutta risposta, il Comune, il 24 u.s. invia alle OOSS una lettera, nella quale adducendo alla regolarità e correttezza dell’azione amministrativa ritiene di non dover inserire la “clausola sociale” in quanto trattasi di nuovo appalto non riconducibile all’attuale con mutamento radicale delle condizioni.
Tutto ciò a nostro avviso è addirittura sconcertante, viviamo in un contesto precario dove ogni giorni si lotta per salvare anche solo un posto di lavoro, le aziende versano in uno stato di crisi pesante, il numero dei fallimenti è in continuo aumento ed assistere ad un atteggiamento irrispettoso verso lavoratori che da anni svolgono questa mansione con diligenza e massima cura, è addirittura assurdo e incomprensibile.
L’atteggiamento di distacco ed indifferenza verso questi lavoratori , ci fa rabbrividire, non si può, da un lato manifestare solidarietà pubblicamente nelle vertenze che attanagliano il nostro comune e poi , dall’altro, disinteressarsi completamente dei lavoratori non inserendo in un bando di appalto la clausola sociale: i lavoratori sono già deboli per la criticità del lavoro, in quanto sono occupati e retribuiti solo nove mesi all’anno nei servizi scolastici. Al danno aggiungiamo la beffa
Auspichiamo che il Comune riveda le sue decisioni a tutela della qualità del servizio ( mensa scolastica per asili e scuole materne di Fano) e a salvaguardia dei livelli occupazionali.”

FISASCAT-CISL MARCHE FP – CGIL
De Leo Vincenza Bortone Luana

P/Le Segreterie Provinciali e Regionali
De Leo Vincenza

Condividi:

Rispondi