Aset Spa: “7 mln in opere tra il 2014 ed il 2015. A settembre gli scolmatori a mare

Aset Spa: “7 mln in opere tra il 2014 ed il 2015. A settembre gli scolmatori a mare

FANO – La grande scommessa di Aset e dell’amministrazione comunale tutta riguarda la riqualificazione urbana di una città il cui processo di espansione può essere considerato concluso. Una riqualificazione intesa non solo come netto miglioramento della qualità della vita e dell’ambiente urbano, ma anche come fattore necessario ad una positiva trasformazione economica e sociale.
Aset sta supportando questo processo attraverso due azioni importanti: l’adesione al progetto Edifici Intelligenti per Fano (assieme a comune, Erap, Cna e associazioni di categoria) e da un massiccio piano degli investimenti.
Il 2015 ha confermato Aset Spa come un’azienda sana la cui efficienza ha riflessi molto positivi sul territorio. All’ultima Assemblea dei Comuni Soci ho presentato cifre e dati del terzo trimestre con investimenti molto significativi. Dodici mesi di grandissimo lavoro, con un impegno eccezionale di operai e tecnici, hanno visto l’azienda pubblica investire in modo massiccio per il territorio.
Investimenti su illuminazione (pista ciclabile, estendimenti), Igiene Ambientale (acquisto mezzi e progetti per il recupero della frazione differenziata) e Sistema Idrico integrato (sostituzione tubazioni in centro, ampliamento depuratori, potabilizzatori di Monte Porzio e di Torno). Tra le opere principali intraprese da ASET SpA c’è l’importantissimo intervento che verrà illustrato oggi e che si svilupperà nei prossimi mesi.
Ben 7 milioni di euro in opere tra il 2014 ed il 2015 hanno ulteriormente migliorato il sistema acquedottistico, fognario e della depurazione dei 3 comuni serviti interessando circa 100.000 cittadini. Opere, impianti e condutture che hanno permesso la gestione della siccità più dura degli ultimi anni per cui nessun utente ha risentito nel servizio, fino quasi a non accorgersene.
Tutti gli investimenti fino ad oggi sono stati autofinanziati dall’azienda tramite la fatturazione in bolletta.
Abbiamo investito nel nostro territorio cifre procapite nella fascia medio alta a livello nazionale. Abbiamo garantito la tenuta dell’occupazione e reso ancora più efficiente il servizio, che oggi è conforme agli standard europei e che permette a Fano, Mondolfo e Monte Porzio di non incorrere nelle sanzioni previste da Bruxelles. Non ci siamo mai fermati in un lavoro che spesso non viene percepito per la sua vitale importanza anche perché è realizzato quasi sempre sotto i livelli stradali, dove corrono 1.066 km di tubi di acqua e fognature. Nel 2015 è continuata la modernizzazione dei nostri impianti, abbiamo ridotto le perdite in rete e i costi di gestione, ma la nostra più grande soddisfazione è nell’aumento di chi beve la nostra acqua pubblica di eccellente qualità, nel miglioramento delle infrastrutture della città per la sicurezza dei cittadini e per la fruibilità delle sue spiagge.
La scelta degli scolmatori a mare è dettata dalla forte fluttuazione quantitativa e dall’impossibilità di collocare, per questo tipo di portate, delle vasche di prima pioggia sufficientemente capienti per contenere tutte le acque e poi trasferirle al depuratore senza comprometterlo in efficienza. Gli scolmatori garantiranno sicurezza da allagamenti per piogge improvvise e balneabilità nei mesi estivi.
Attendiamo l’approvazione AATO per procedere con la gara di affidamento lavori che inizieranno a settembre 2016.
Come presidente di Aset Spa voglio continuare a mantenere un rapporto costante, aperto e trasparente con la città. Proprio con questo intento, ci saranno altri incontri informativi e di aggiornamento sui lavori compiuti relativi alle opere.

SCOLMATORI 5

SCOLMATORI 6

Condividi:

Rispondi