Ancora un podio tricolore per il Judo Club Fano con Elena Pedaletti

Ancora un podio tricolore per il Judo Club Fano con Elena Pedaletti

FANO – Ancora un podio tricolore per il Judo Club Fano e’ stato raggiunto domenica 22 marzo ad Ostia (Roma) con la propria atleta Elena Pedaletti, la quale ha conquistato la medaglia di bronzo al Campionato italiano under 18 (cadetti) nella categoria fino 63 kg.
Dopo un passo falso nel secondo incontro dei preliminari che la vedeva sconfitta a 5” dal termine ad opera della sual amica-rivale cameranense, Elena non si arrendeva e dimostrando una determinazione e una concentrazione esemplari, collezionava tre nettissime vittorie nei turni di recupero che la facevano approdare alla finale per il bronzo dove con un “ippon” magistrale sconfiggeva una forte e titolata avversaria di Napoli, provando cosi’ l’ebrezza di salire per la seconda volta in tre anni sul podio tricolore.
La diciassettenne fanese, allenata dal tecnico Andrea Mencucci, grazie a questo risultato e’ stata inoltre promossa dalla Federazione judo al grado di cintura nera per meriti agonistici ed inquadrata tra gli atleti di “interesse nazionale” ottenendo cosi’ la giusta ricompensa dopo un anno di sacrifici e di intensi allenamenti.
Buoni risultati per il sodalizio fanese anche dalla sezione maschile under 18 la quale ha partecipato al Campionato Italiano il giorno precedente. Due i judoka biancorossi presenti: Marco Uguccioni con due incontri vinti e due persi sfiora il podio nei 90 kg. classificandosi al 7^ posto mentre Fabio Pedaletti, complice un po’ mancanza di concentrazione e di ingenuita’, viene eliminato al primo incontro.
Confermata quindi ancora una volta la caratura del team di via della pineta in considerazione del fatto che in questi campionati il 7^ posto in campo maschile e il 3^ in campo femminile rappresentano i migliori piazzamenti rispetto a tutti gli atleti delle Marche presenti.

JUDO CLUB FANO
il Presidente
(Virginio Mencucci)

Nella foto: Elena Pedaletti con il tecnico Andrea Mencucci al Palas di Ostia

Condividi:

Rispondi