Alimentare: cresce fatturato azienda ‘La pasta di Camerino’ Dopo sisma investiti oltre 3 mln euro per raddoppio stabilimento

Alimentare: cresce fatturato azienda ‘La pasta di Camerino’  Dopo sisma investiti oltre 3 mln euro per raddoppio stabilimento

CAMERINO (MACERATA) – Numeri in crescita per l’azienda produttrice di “La Pasta di Camerino”: Entroterra spa, che produce e commercializza la pasta all’uovo e di semola ha chiuso il 2017 con un fatturato dio 18 milioni di euro, il 20% in più rispetto all’anno precedente. Fondata da Gaetano Maccari, direttore di produzione, e Mara Mogliani, responsabile amministrativa, oggi è diretta da Federico Maccari, 26 anni. In soli 15 anni di attività è diventata ormai la più importante impresa privata del territorio di Camerino, terzo attore nazionale nel settore della pasta secca all’uovo davanti a nomi storici. “Il 2017 è stato un anno di grandi investimenti infrastrutturali e di ricerca e sviluppo – dice Maccari -. Dopo le grandi scosse di terremoto di fine ottobre 2016 abbiamo investito oltre 3 milioni di euro per ampliare lo stabilimento produttivo inaugurato lo scorso 15 settembre, anche per dare un segnale che questo territorio è ferito ma non morto. La superficie coperta è passata da 5.000 a 10.000 mq, raddoppiando la capacità produttiva che oggi è di 450 quintali di pasta al giorno. Assunte altre 20 persone tutte del territorio, arrivando a 68 dipendenti e producendo, a fianco alla tradizionale pasta all’uovo anche la pasta di semola per un totale di oltre 100 referenze. “La caratteristica distintiva – insiste Maccari – è che produciamo in chiave artigianale, pasta realizzata con materie prime 100% italiane, filiera tracciabile e garantita e queste informazioni sono sempre a disposizione dell’utente, triplo impasto, essiccazione a basse temperature, lenta estrusione, trafilatura a bronzo. Il prodotto – spiega – ha una migliore masticabilità e digeribilità e tiene perfettamente la cottura. Già oggi nelle Marche la nostra pasta artigianale è la più venduta. L’obiettivo è raggiungere questo primato anche per la pasta di semola e nel medio periodo puntiamo a far sì che La Pasta di Camerino sia il marchio di riferimento per i consumatori di altre regioni strategiche come Umbria, Emilia Romagna Toscana e Veneto. Il costo delle materie prime, in particolare l’uovo, ha avuto un picco di prezzo nel 2017 ma abbiamo tenuto duro senza ritoccare il prezzo al dettaglio”. Maccari fa presente che “il trend del mercato della pasta è decrescente ormai da anni per differenti stili di vita ed abitudini, ma noi stiamo comunque crescendo anche nel 2018 erodendo quote di mercato ai concorrenti e offrendo un prodotto qualitativamente superiore ad un prezzo concorrenziale”.

Condividi:

Rispondi