Alcune domande al sindaco sulla questione Aset. Firmato Luca Paolini

Alcune domande al sindaco sulla questione Aset. Firmato Luca Paolini

Egr. Sindaco, vorrei porle, come cittadino ed aspirante al Suo posto, alcune domande. Sono certo che risponderà, con la chiarezza e sinteticità che le è propria, quando vuole :

a) il 4 dicembre 2014, in Commissione di Controllo, il dott. De Leo, a precisa domanda di  Omiccioli sul “ se” ci fosse un Piano Industriale da sottoporre ai soci, rispose, in quello che io definisco “burocratese”, che “ è stato svolto un importante lavoro, fatto con grande spirito di collaborazione…ed il gruppo di lavoro appositamente nominato.. e che lo Statuto è stato rivisto dal dott. Celani con la collaborazione del dott. Nicoletti di Publitecnica, e anche questo ha accolto e risolto alcune criticità emerse da incontri con i comuni soci o evidenziate dal Consiglio Comunale, come ad esempio la citata problematica di scarsa trasparenza” . Nella medesima occasione l’assessore Santorelli affermava che “…Piano Industriale e progetto di fusione sono sostanzialmente pronti, la Giunta ha avuto modo di visionarli martedì, le due Aset venerdì prossimo…”, e concludeva che, “…verranno presentati ai sindacati ..e all’intera città”. Sono passati 4 mesi . Tale promessa è stata mantenuta? I Fanesi, “proprietari della ditta” possono sapere, nel dettaglio, progetti e conti finali della operazione fusione, che vorreste fare, con inopinata velocità,  nei pochi giorni di potere che vi restano? Possiamo vedervi in assemblea pubblica?

b) sempre il 4 dicembre,il dott. De Leo, ha dichiarato di “…essere intenzionato a presentare un esposto alla Corte dei Conti in quanto, a suo avviso, la scelta di non aderire alla procedura semplificata si configura come danno all’Erario….”. Chiedo: lo ha fatto o no quell’esposto? Quali sarebbero, nel dettaglio, i profili di asserita illegittimità sollevati, visto che la facoltà di scegliere, la procedura “ordinaria” piuttosto che “semplificata” è prevista dalla legge?

c) Non trova inaccettabile che il suo Direttore Generale “minacci” esposti alla procura erariale (– a mio avviso del tutto infondati e funzionali solo a mettere “in soggezione” persone magari meno preparate  di lui in materia – n.d.r.)  a soggetti istituzionali (Sindaci/Comuni) che, in sede propria, ed esercitando una facoltà legittima, ipotizzino la propria preferenza per una scelta procedurale – ritenuta piu “garantista” –  piuttosto che per un’altra? Non trova, lei, “politico”, che sia sgradevole ed  anomalo che un direttore generale stigmatizzi, in questi termini, le scelte di taluni azionisti perchè avrebbero “..motivazioni politiche…” che nella fattispecie, sarebbero quelle di chiedere di demandare una scelta così importante, alla nuova amministrazione ? Quei signori, egr. direttore, rappresentano il popolo sovrano, il “proprietario della ditta” , che poi è quello che paga anche il suo lautissimo stipendio!

e) Sig. Sindaco, alla luce di quanto successo, ed alla luce dei risultati economici non proprio entusiasmanti emersi dalle “indiscrezioni” sulla semestrale, delle fortissime reazioni dell’intera città e di altri soci alla ventilata, acceleratissima fusione, al fatto che la sua consiliatura è giunta a termine, non  ritiene opportuno, come atto di correttezza, sospendere la fusione esercitando “motu proprio” il “diritto di veto” ad operazioni, come questa, di straordinaria amministrazione, ex art. 24 comma 3 lettera a) Statuto di Aset Holding S.p.A ?

LUCA RODOLFO PAOLINI

CANDIDATO SINDACO LEGA NORD

Condividi:
  1. di motu proprio dovremmo solo ringraziarlo il sindaco

    Rispondi
  2. Ma è Paolini o “Paolino”??? Ah no, forse quello è morto: però, il fatto che si candidi sindaco, fa rida ugual!!!! Dura la vita in senato adesso eh???? 🙂

    Rispondi
  3. 4 dicembre 2014 (???????) piccolo refuso;
    Speriamo almeno che per quella data il (super, mega, extra) direttore del comune di Fano non sia piu’ lautamente stipendiato dai cittadini Fanesi.

    Rispondi

Rispondi