Al porto di Fano l’odissea del Fenicottero ferito e abbandonato

Al porto di Fano l’odissea del Fenicottero ferito e abbandonato

FANO – Al porto di Fano staziona da ieri mattina un esemplare di Fenicottero rosa. La segnalazione ci è arrivata da un nostro Reporter di Strada (clicca qui per iscriverti).

“Buongiorno, le rendo noto che, da ieri mattina, un fenicottero rosa, è comparso in zona porto (esattamente nella discesa per le barche di fronte la trattoria “La Quinta”). Intorno le 16.30, era rimasto impigliato nelle reti di ferro e, grazie all’intervento di due persone, è riuscito a liberarsi. Pur provando, non è riuscito a prendere il volo e si è fermato lì, lungo lo scivolo. Il punto, molto grave, è che dalle 17.00, ora in cui sono stata avvertita, ho chiamato ripetutamente il CRAS (ho ben 4 numeri), senza aver mai risposta. Allora abbiamo telefonato alla Capitaneria, ma niente (liquidandoci dicendo che sarebbero intervenuti, ma, dopo 2 ore, nulla). A onor del merito, devo dirle che , l’unica che si è recata sul posto, ormai era buio, è stata una dottoressai dei servizi veterinari dell’ Asur Fano. Non ha potuto fare più di tanto, ma almeno ha potuto vedere le condizioni del fenicottero. Sta di fatto che , in questo momento, é ancora là. Di sicuro, non riesce a volare e il CRAS è l’unico di competenza all’intervento. Ora li richiamerò …speriamo bene. MA, QUESTE COSE NON DEVONO PIÙ SUCCEDERE. Distinti saluti”

Condividi:
  1. voglio esprimere tutta la mia stima a chi ha segnalato il caso e alla dottoressa che unica ,si è preoccupata della povera creatura ,circa gli altri meglio stendere un velo pietoso ..vigili totalmente assenti in una città allo sbando in cui ognuno fà ciò che vuole ..forse anche una persona sarebbe rimasta sola ,ferita ,spaventata senza che nessuno se ne curasse ..vergognoso e triste

    Rispondi

Rispondi