Adeguarsi al cambio gomme fino al 15 maggio senza incorrere in sanzioni

Adeguarsi al cambio gomme fino al 15 maggio senza incorrere in sanzioni

 Siamo ormai in primavera inoltrata. All’inizio dell’estate manca poco più di un mese. Questi dunque sono i giorni migliori per effettuare il cambio gomme, per passare cioè dagli pneumatici invernali a quelli estivi.

Ma perché questa operazione è necessaria?Le ragioni principali per effettuare la sostituzione delle gomme all’arrivo dei primi caldi sono sostanzialmente due: aumentare la sicurezza del veicolo su cui sono montate e rendere più longeva la vita degli pneumatici.Durante la fase più calda dell’anno – da giugno a settembre – mantenere gli pneumatici invernali significa esporsi ad un rischio sicurezza maggiore: questo tipo di gomme, infatti, registra spazi di frenata più lunghi, rispetto a quelli estivi, e riduce considerevolmente la precisione delle manovre con lo sterzo. Alcuni test di guida realizzati con temperature tipiche dell’estate hanno dimostrato che un veicolo dotato di pneumatici invernali, in caso di una frenata di emergenza dai 100 km/h, si arresta in uno spazio di 6 metri superiore rispetto ad una vettura equipaggiata con pneumatici estivi dello stesso tipo e di misura identica. Dunque perché correre rischi?Inoltre gli pneumatici estivi presentano una minore resistenza al rotolamento, dunque sono più indicati per l’utilizzo ad alte temperature e – non dimentichiamolo – il loro utilizzo si traduce anche in un notevole risparmio di carburante. Da segnalare anche per le gomme estive una discreta riduzione del rumore (minore rumorosità), fattore che non dispiace mai.Gli pneumatici sono l’unico elemento che collega il veicolo alla strada e uno pneumatico sfrutta il disegno del suo battistrada per fornire presa durante l’arresto, aderenza in fase di sterzo e garanzia in tratti di percorrenze lunghe. Gli pneumatici per auto e trasporto leggero con meno di 1,6 millimetri di battistrada sono pericolosi ed illegali.Se una vettura scende sotto questa soglia il rischio di aquaplaning aumenta del 40%, un motivo ulteriore per controllare regolarmente la profondità del battistrada. Un processo semplice che può essere fatto utilizzando gli indicatori di usura del battistrada. Gli indicatori sono presenti su ogni pneumatico. Molti automobilisti non si rendono conto che non serve niente di particolare per controllare gli pneumatici. Un indicatore Tread Wear è un sistema in gomma sollevata dalla base della scanalatura del battistrada che, quando il battistrada adiacente ha raggiunto il livello minimo, lo pneumatico deve essere cambiato.I consumatori possono anche controllare la profondità del battistrada utilizzando una moneta da un euro, con il cerchio dorato che dovrebbe essere coperto dal battistrada. Tutti e quattro gli pneumatici devono essere controllati in ciascuna scanalatura in almeno due punti. Per massimizzare le prestazioni e la sicurezza, i conducenti devono rispettare il regolamento UE sul battistrada. Per gli pneumatici invernali, le normative nazionali, tra le quali la profondità del battistrada, differiscono da paese a paese. Inoltre, vi è la necessità di condurre controlli visivi regolari per assicurarsi che siano entro il limite di legge. Lo pneumatico dovrebbe anche essere gonfiato alla pressione corretta, secondo le raccomandazioni del costruttore del veicolo.Sicurezza stradale, minor consumo di carburante, guida sicura: questi solo alcuni dei motivi per il cambio gomme in estate.

metauro gomme cap

 

 

metauro gomme

   Un’ auto efficiente dura di più, Metauro Gomme vi aiuta a mantenerla” in forma”

Gli aspetti meccanici sono di fondamentale importanza per la vita di una vettura: permettono di ottimizzare le prestazioni, ridurre il rischio di guasti e aumentare la sicurezza in strada.
Metauro Gomme ti assiste nel tenere sempre l’auto in ordine effettuando interventi di riparazione e di manutenzione ordinaria, al fine di preservare nel tempo la funzionalità del mezzo.

 

  • Interventi di manutenzione raccomandati:

 

  • tagliando di manutenzione
  • cambio olio
  • ricarica clima
  • impianto frenante
  • scarichi
  • batteria e impianto elettrico
  • meccanica leggera al motore
  • Le pastiglie
    devono avere uno spessore residuo almeno di 4 mm;
    2 mm rappresentano un’usura molto avanzata;
    sostituire le pastiglie anteriori (responsabili al 70% sulla frenata) in media ogni 40.000 km, a seconda del tipo di uso e di guida, per conservare la qualità della frenata;
    controllare le pastiglie ogni 10.000/20.000 km.
  • I dischi
    devono essere cambiati quando arrivano allo spessore minimo;
    non devono mostrare graffi, solchi, abrasioni, usura irregolare, corrosione o colorazione bluastra;
    devono essere sostituiti ogni 80.000 km circa o ad ogni 2 cambi di pastiglie;
    deve essere controllato lo stato di usura dei dischi freno ad ogni cambio delle pastiglie.
  • Il liquido dei freni
    assorbe l’umidità (fino ad un 4% d’acqua in 2 anni);
    il livello deve rimanere nella norma;
    raccomandazione del costruttore: da sostituire ogni due anni.
  • COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA FRENANTE
  • Gli 8 sintomi di una frenata pericolosa
    Quando compare uno dei seguenti 8 segnali è sintomo di pericolosità della frenata, perciò è necessario far verificare il sistema frenante della vostra auto.
  • L’apparizione di uno o più segnali è sintomatico di:
  • aumento della distanza di frenata;
    aumento dei tempi di reazione del sistema frenante;
    probabile presenza d’acqua nel circuito idraulico dei freni con relativo allungamento della corsa del pedale e ridotta efficacia del sistema ABS/ESP;
    rapido surriscaldamento dei dischi con possibilità di rottura se questi sono prossimi o oltre il limite d’usura.
  • La sostituzione del sistema frenante o parti di esso è obbligatoria quando:le tubazioni freno mostrano incrinature, rigonfiamenti o tracce di usura;
    è elevata l’usura o il deterioramento dei dischi e delle pastiglie;
    è insufficiente il livello del liquido dei freni.
  • OLIO
    Per garantire una lunga vita al vostro motore consentendogli di mantenere sempre alti standard di prestazioni ed affidabilità, di fondamentale importanza è l’olio che lubrifica e protegge il motore del vostro veicolo proteggendolo da possibili guasti nel funzionamento.
  • controllo e cambio olio fanno parte dei servizi di meccanica leggera che il nostro staff tecnico svolge quotidianamente per la messa in sicurezza e per le performance del vostro veicolo.
  • Per i nostri clienti garantiamo regolare controllo del livello dell’olio, ne eseguiamo il rabbocco o il cambio completo attenendoci meticolosamente alle raccomandazioni del costruttore.
  • Conseguenze legate ad una mancanza di olio o a un cambio troppo tardivo.
  • 6x3Metauro

 

L’ultima circolare ministeriale prevede l’entrata in vigore per l’obbligo di sostituzione degli pneumatici a partire dal prossimo 15 aprile 2017. Da questa data, gli automobilisti hanno un mese di tempo per ripristinare la dotazione estiva del veicolo, fino al termine ultimo fissato per il 15 maggio 2017.

Dopo quest’ultima scadenza tutti coloro che non avranno provveduto alla sostituzione degli pneumatici invernali, identificabili come gomme di tipo M+S, potranno andare incontro a delle sanzioni amministrative. Con i controlli da maggio fino al prossimo mese di ottobre, le multe saranno quantificabili dai 422 ai 1.695 euro, con possibile ritiro della carta di circolazione e obbligo di visita e prova presso la sede più vicina della Motorizzazione Civile.

Esiste comunque una piccola eccezione per quanto riguarda l’obbligo di installare le gomme estive. L’esenzione, in questo caso, è applicabile unicamente nel caso il codice di velocità – la velocità massima alla quale un pneumatico può viaggiare – delle gomme montate sia uguale o superiore a quello indicato sul libretto del veicolo alla voce “Pneumatici”.

Rimane consigliabile, in ogni caso, procedere sempre tempestivamente alla sostituzione degli pneumatici in base alla stagione o, eventualmente, dotarsi di un set di gomme 4 stagioni valido per tutto l’anno.

 

 

 

 

Condividi:

Rispondi