Accordo Cispel Marche: rinnovata convenzione per le emergenze di protezione civile

Accordo Cispel Marche: rinnovata convenzione per le emergenze di protezione civile

MARCHE – La Regione, i Comuni e le Province marchigiane hanno rinnovato, per un triennio, la convenzione con Confservizi Cispel Marche nella gestione delle emergenze di protezione civile. La firma del protocollo d’intesa che regolamenta la collaborazione è avvenuta questa mattina nella sede della giunta regionale. Erano presenti: il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, il presidente Anci Marche Maurizio Mangialardi e Graziano Mariani presidente Confservizi Cispel Marche.

“La Protezione civile regionale delle Marche – ha detto Spacca -, forse prima di quella di altre Regioni, ha compreso l’importanza di un modello organizzativo virtuoso basato sulla integrazione e la sussidiarietà. Un sistema articolato che non coinvolge solo le istituzioni, ma anche il mondo del volontariato e tutti quei soggetti in grado di offrire servizi coordinati su richiesta della Protezione civile. Un sistema il più possibile ancorato al territorio, in grado di agire con la massima efficienza e competenza negli eventi che si possono determinare. Un apprezzamento particolare va a Confservizi: sono gli sforzi organizzativi come questo, la capacità di mettere in rete i servizi, una delle formule che ci hanno consentito nonostante un territorio articolato di poter sempre contare su sinergie efficienti. Parliamo di un modello virtuoso di integrazione e collaborazione che va proposto anche per affrontare, con possibilità di successo, il futuro della Regione”.

“Confservizi Cispel – ha spiegato Mariani – è una organizzazione che associa tutte le aziende che operano nei servizi pubblici locali ed ha coadiuvato, fin dalla sua costituzione, le attività della Protezione civile marchigiana crescendo e affinando sempre più la capacità di dare servizi e supporto alla cittadinanza. La Confservizi in questi anni è stata coinvolta in tutte le vicende delle Marche e si è adoperata anche oltre i confini regionali, come in Emilia Romagna, portando solidarietà, interventi e attrezzature. L’ultimo evento è stata l’alluvione di Senigallia – ha continuato Mariani – che ci ha visti protagonisti in prima linea a fianco del Comitato operativo comunale. Nel frattempo abbiamo acquisito nuove competenze in base alle leggi nazionali e regionali e su queste nuove basi abbiamo aggiornato il protocollo, ridisegnato il logo e realizzato una brochure informativa destinata ai cittadini”.

“Quello di oggi è un momento particolarmente importante – ha aggiunto Mangialardi – perché andiamo ad aggiornare e migliorare ulteriormente un‘intesa che è uno strumento fondamentale a disposizione del territorio. Chi, come noi, ha vissuto un evento terribile come l’alluvione, sa bene quanto sia preziosa e necessaria questa collaborazione. In dieci giorni siamo riusciti a ripristinare tutti i servizi e senza Confservizi non ce l’avremmo fatta. Ed è anche sulla scorta di questa esperienza che l’intesa è stata affinata e resa ancora più efficiente in modo che i nostri Comuni possano sempre contare strutture e competenze in grado di coadiuvare la Protezione civile in modo funzionale puntuale e organizzato”.

Cispel Marche associa le aziende che forniscono servizi pubblici locali: acqua, gas, energia, farmacie comunali, ambiente, trasporto pubblico locale. Settori sensibili e vulnerabili, che vanno subito rispristinati in fase di emergenza, per garantire soccorsi celeri e assistenza tempestiva alle popolazioni in caso di calamità. L’intesa rinnova le precedenti, iniziate nel 2007 con una convezione sperimentale sottoscritta da Anconambiente e, poi, nel 2009, con la stessa Cispel, visti i risultati positivi raggiunti con il primo accordo. Il protocollo consente di usufruire di un servizio continuativo, anche con le procedure di reperibilità, a supporto delle attività di protezione civile. Permette inoltre di disporre di mezzi e personale degli enti gestori di servizi pubblici, nella delicata fase dell’emergenza, che si vanno ad aggiungere a quelli istituzionali, assicurando un intervento integrato a supporto delle istituzioni preposte alla gestione degli interventi di protezione civile. Il nuovo testo del protocollo d’intesa prevede che Confservizi Cispel Marche organizzi e mantenga un servizio H24 per il reperimento delle risorse secondo le necessità, promuova la diffusione della cultura di protezione civile, aiutando le aziende aderenti nella pianificazione delle emergenze. Mezzi e personale che opereranno durante le calamità avranno uno stemma identificativo, mentre gli enti firmatari (Regione Comuni e Province) agevoleranno la partecipazione del personale – indicato da Confservizi Cispel Marche – alle iniziative formative di protezione civile.

Condividi:

Rispondi