A Passaggi Bernardo Valli riceve il premio Andrea Barbato

A Passaggi Bernardo Valli riceve il premio Andrea Barbato

FANO – Da sessant’anni in prima linea, Bernardo Valli, tra i più importanti e celebrati reporter italiani, ha ricevuto ieri il premio Andrea Barbato Passaggi d’Inchiesta, durante la terza edizione del Passaggi Festival, che si terrà a Fano sino a domenica 21 giugno.

Il riconoscimento è stato conferito dal Comitato scientifico di Passaggi Festival per aver dato lustro al giornalismo come servizio pubblico essenziale, attività che dà autenticità a ogni democrazia; per aver affrontato la professione come un mestiere vulnerabile e soggetto a un’infinito processo di mutamenti; per averlo esercitato con “onestà di parte” e con uno stile rigoroso, senza superlativi e cedimenti alla vanità delle parole.

Un riconoscimento preceduto da un interessante confronto su come è cambiato il mestiere del cronista in questi ultimi sessant’anni e su quali buone pratiche sarebbe bene recuperare.

“La tv ha ucciso la terza pagina, la carta stampata ha perso il fascino della novità perché internet fornisce notizie in tempo reale. Ma il senso e la responsabilità del fare informazione restano intatti”, ha spiegato Valli ieri sera durante l’incontro, motivando questa convinzione con aneddoti e racconti delle sue tante corrispondenze, dall’Algeria a Cuba, dal Vietnam al Medioriente.

Sul palco, insieme alla firma di Repubblica, il giornalista del Corriere della Sera Lorenzo Cremonesi e Franco Contorbia, che ha curato il volume La verità del momento, che raccoglie i reportage di Valli dal 1956 al 2014.

“I giornalisti devono recarsi sul posto, ma è molto più importante che riescano a offrire un’analisi approfondita delle forze in campo. Perché spesso per gli inviati è difficile comprendere il valore storico di ciò che sta accadendo” – ha aggiunto il reporter -, un ruolo che oggi poche testate riescono ancora a svolgere e che andrebbe preservato, perché, per dirla ancora con le parole di Bernardo Valli “dall’onestà del giornalista dipende la sopravvivenza di una società democratica”.

“Una presenza, quella di Bernardo Valli, che ci rende orgogliosi – hanno commentato gli organizzatori di Passaggi -, e che conferma la capacità di questo festival di richiamare grandissimi nomi del giornalismo, come Corrado Stajano (anche lui premiato con il premio Barbato lo scorso anno) o Massimo Fini, che sarà nostro ospite nella giornata di domani e riceverà il premio ad personam per questa edizione 2015”

Condividi:

Rispondi