88esima Giornata Missionaria Mondiale: il 24 ottobre marcia da Santa Croce a San Luigi

88esima Giornata Missionaria Mondiale: il 24 ottobre marcia da Santa Croce a San Luigi

PESARO – “Periferie cuore della missione”, con questo slogan vogliamo vivere quest’anno l’88° Giornata Missionaria Mondiale e l’Ottobre Missionario.
Nel manifesto scelto per celebrare questa speciale giornata in tutte le chiese italiane, vi è l’immagine di una bambina che guarda smarrita tra le lamiere e i rifiuti di una baraccopoli, mentre accanto, in una città occidentale, un broker incollato al video scruta l’andamento dei mercati finanziari, nel mezzo delle due istantanee si affaccia la cupola di S. Pietro illuminata nella notte. In questo modo viene proposto a tutte le Chiese italiane, sulla lunghezza d’onda di Papa Francesco, lo slogan: “Periferie Cuore della Missione”.
La missione nasce dall’incontro personale con Gesù e dalla preghiera, Papa Francesco afferma: “Evangelizzatori con Spirito, significa evangelizzatori che pregano e lavorano…” (Evangeli Gaudium).
Nel messaggio del Santo Padre per questa Giornata Mondiale, si parla di una Chiesa “in uscita”, cioè in cammino per andare fino agli estremi confini della terra e raggiungere tutti, in particolare le “periferie esistenziali” dove l’ uomo vive e dove l’evangelizzazione deve essere diretta.
Per tutti noi vi è un invito ad uscire dal nostro modo di pensare e vivere, per orientarci decisamente verso i “lontani della terra” e riscoprire il cuore della missione a cui ogni cristiano è chiamato. E’ un uscire dalle nostre sicurezze e incamminarsi verso l’altro che vive ai margini della nostra vita, nella periferia in quanto escluso, straniero, emarginato, povero, ammalato. Per questo la periferia deve essere il cuore della missione di ogni cristiano.
Siamo invitati a leggere “l’ad gentes” in modo nuovo, sottolineando l’urgenza di andare, sull’esempio di Gesù che non si è mai fermato e che non ha mai avuto confini ne culturali, ne geografici, ne sociali. Dio ci spinge ad uscire da noi stessi, dagli attaccamenti disordinati alle ricchezze, per incontrare nel volto del fratello il Suo stesso volto: “ciò che avete fatto ad uno di questi piccoli l’avete fatto a me”. Il volto di Dio abita tra gli ultimi, tra i poveri, tra i peccatori ed è li il luogo dove si converte e nasce la Chiesa.
Il mese di Ottobre e la Giornata Missionaria Mondiale è per tutti noi l’occasione per fare il punto sugli orizzonti che la missione spalanca di fronte ai cristiani del nostro tempo.
Farsi prossimo e accompagnare, sono due verbi che restano i pilastri fondamentali dell’opera evangelizzatrice che portano avanti i nostri missionari, la missionarietà deve avere lo stile della vicinanza, della misericordia e della testimonianza, con quel ”farsi carico” che abbiamo imparato dal buon Samaritano.
Un invito per tutti a vivere con particolare impegno la Giornata Missionaria Mondiale di Domenica 19 Ottobre, nella felice coincidenza con l’evento della beatificazione di Papa Paolo VI, un pontefice che ha posto in primo piano la natura missionaria della Chiesa e che promuovendo una Giornata Missionaria ha usato queste parole: “è un rendere visibile per mezzo della carità fraterna, l’Amore invisibile del Padre che è nei Cieli”.
La raccolta offerte effettuata nelle nostre Chiese ed Istituti Religiosi è molto importante per rendere possibile un’evangelizzazione che non è fatta solo di parole ma sopratutto di gesti concreti a favore di coloro che sono nelle periferie: i poveri e tutti coloro che hanno bisogno di aiuto per rialzarsi, per curare le ferite e per ritrovare la speranza. L’anno scorso a questo fine sono stati raccolti nella nostra diocesi 16.864 Euro destinati alle Pontificie Opere Missionarie Fondazione Missio, 5.740 per l’Infanzia Missionaria e 850 Euro per le Adozioni a distanza.
Un impotente momento di preghiera e riflessione missionaria a cui tutti siamo chiamati a partecipare è la Marcia Missionaria, presieduta dal nostro Arcivescovo, di Venerdì 24 Ottobre, partendo dalla Chiesa di Santa Croce, in Via Lubiana alle ore 21 a quella di S. Luigi Gonzaga in Via Brandani. Attraverseremo quartieri popolosi della nostra città e unitamente alla preghiera ascolteremo alcune testimonianze missionarie, al termine proponiamo a tutti un gesto di carità: rinunciare alla cena o ad altro per donarlo al termine della marcia a sostegno delle opere missionarie. In caso di cattivo tempo tutto si svolgerà all’interno della Chiesa di S.Croce.
La passione missionaria è fondamentale per ogni comunità cristiana autentica e per il mondo in cui viviamo. Con l’augurio di un buon Ottobre Missionario, vi ricordiamo che il Centro Missionario Diocesano è a vostra disposizione ogni martedì in via Canonica 14, dalle ore 16 alle 19 (tel. 0721 35373 o cell. 339/3813162).
Don Michele Rossini – Direttore CMD

Condividi:

Rispondi