550 persone hanno pertecipato a Fano alle primarie di Fratelli d’Italia

550 persone hanno pertecipato a Fano alle primarie di Fratelli d’Italia

FANO – Sabato 22 e Domenica 23 Febbraio si sono svolte in tutta Italia le primarie di
Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale per decidere il simbolo del nuovo
partito, scegliere il programma,votare il candidato premier Giorgia Meloni e
scegliere i 17 grandi elettori che rappresenteranno la nostra provincia alla
fondazione del nuovo partito a Fiuggi l’ 8 ed il 9 Marzo.

Anche la Provincia di Pesaro ed Urbino è stata protagonista con i seggi di
Pesaro e Fano dove militanti e volontari hanno dato il proprio contributo per
la rinascita di un grande partito di destra.
Nella giornata di Domenica è passato per portare un saluto e rendersi conto
della numerosa partecipazione alle primarie, il candidato sindaco della
coalizione UNITI PER FANO Daniele Sanchioni.

Un partito che deve necessariamente ripartire dai territori, dalla
partecipazione e dal coinvolgimento degli elettori che attraverso le primarie
hanno potuto indicare simbolo e programma.

Per la prima volta nella storia del centro destra i cittadini hanno avuto la
possibilità di scegliere e di esprimere il proprio pensiero senza essere
costretti a subire le scelte che troppo spesso vengono imposte da Roma

Nei seggi di Pesaro via Branca e Fano via Pisacane presso il caffè del
capolinea,circa 550 persone hanno potuto esprimere contestualmente alle
primarie nazionali, i rappresentanti del territorio e con orgoglio i 17 grandi
elettori rappresenteranno la nostra Provincia al Congresso Nazionale poiché
essi sono l’espressione del voto di tanti militanti e simpatizzanti che hanno
visto nelle primarie la possibilità di poter scegliere concretamente persone
che vivono e si impegnano con passione nel territorio.

Questo è l’inizio di un grande percorso per un nuovo grande partito che
affonda le sue radici in Alleanza Nazionale, che interpreta il presente con
Fratelli d’Italia e che dopo il 9 Marzo dovrà essere capace di aggregare tutte
le anime di destra e le migliori forze alternative alla sinistra.

Pesaro, Fano e tutto il territorio provinciale hanno visto grande
partecipazione alle primarie, segno che anche nella nostra Provincia è
fortissimo il bisogno di un nuovo partito di destra forte ed autorevole capace
di dare risposte concrete.

NELLE MARCHE –

”Grande soddisfazione” per la
partecipazione alle primarie di Fratelli d’Italia-Alleanza
Nazionale nei seggi allestiti nelle Marche, la prima
consultazione del partito fondato da Giorgia Meloni, Guido
Crosetto e Ignazio La Russa: 81 i delegati eletti al Congresso
nazionale, che l’8 e 9 marzo prossimi a Fiuggi dovrà scegliere
il simbolo definitivo e definire alcuni punti forti del progetto
politico.
A votare sono andate 2.750 persone, ”tre volte il numero
degli iscritti” si legge in un comunicato. Hanno votato 847
persone nella provincia di Ancona, nel seggio allestito nel
capoluogo e in quello di Jesi, per eleggere 25 delegati; 538
elettori in provincia di Pesaro Urbino, nei seggi di Fano e
Pesaro, per eleggere 17 delegati, 756 a Macerata, nei cinque
seggi insediati nella provincia per eleggere 20 delegati, 244
nella provincia di Fermo, nel seggio di Porto Sant’Elpidio, per
eleggere 9 delegati e 338 nella provincia di Ascoli Piceno, con
seggio nel capoluogo e a San Benedetto del Tronto, per eleggere
13 delegati.
Fra i più votati, Angelo Bertoglio, Nicoletta Carboni,
Stefano Pollegioni, Andrea Montalbini, Nicola Baiocchi e
Francesco Cavalieri in provincia di Pesaro, Giulio Natali, Marco
Fioravanti Alessandra Calvaresi, Simona Flammini, in provincia
di Ascoli Piceno, Carlo Ciccioli, Giovanni Zinni, Ivana
Ballante, Daniela Taccaliti e Lorenzo Rabini in provincia di
Ancona, Loredana Moretti, Giorgio Silenzi, Lina Vitturini,
Andrea Putzu, Giorgio Marcotulli e Antonietta Schipani in
provincia di Fermo, Elena Leonardi, Francesco Colosi, Maria
Tommasa Nicoletti, Francesco Acquaroli e Mirko Braconi in
provincia di Macerata.

 

Condividi:
  1. Resoconto fumosissimo. A) Nel titolo si dice che i 550 votanti sono tutti a Fano. Poi diventano “circa 550”, ma sparsi fra Pesaro e Fano. Alla fine sono 538. Forse, con altre due righe di comunicato, la cifra poteva variare ancora. B) Se il candidato è UNO e la votazione riguarda solo la scelta del simbolo, sta roba non si chiama “primarie”. Si chiama sondaggio. Degnissimo, per carità. Ma è naltra cosa. C) Se i votanti sono stati 538, divisi tra Fano e Pesaro, presumibilmente più a Pesaro che a Fano, Sanchioni di quale “numerosa partecipazione” si è reso conto? D) Ma Fratelli d’Italia non erano quelli di “Mai più larghe intese, mai più con la sinistra”? E allora che ci fanno in compagnia del “fiero uomo di sinistra” Sanchioni? E) Ma soprattutto. Perché continuate a intortarci con sti comunicati stampa?

    Rispondi

Rispondi